.................................................................................................

M.M.A. - ITALIANI FIGMMA 2014

M.M.A.: Italiani FIGMMA 2014

Per una volta -e nonostante un paio di defezioni- potevamo schierare sei atleti invece dei soliti due o tre. Per chi la vuole breve i ragazzi hanno rimediato tre ori, un argento e due bronzi.

Leonardo PARISI 71 kg B vince il primo match poi paga un calo di concentrazione in finale facendosi chiudere uno strangolamento che tutto sommato si poteva difendere. ...Argento e pazienza.
L'inossidabile Massimiliano Ruocco esordisce nelle mma e non trovando avversari nella sua 77 kg passa nella -84 kg D dove vince dominando a terra due avversari. Primo oro.
Simone Brown MARRONE in -84 kg C vince sul filo di lana un primo match durissimo contro un forte avversario napoletano e in semifinale paga la stanchezza rimediando un triangolo. Allo spareggio per il bronzo l'avversario da forfait e va bene così.
Gianluca MATARAZZO accusa il calo di peso e cede il passo al compagno di allenamento Federico Marinelli. Pure per lui bronzo con forfait ma il sapore era amaro. Magnate 'na cosetta e tornerai a fare bene.
Patrizio Raiden PONTECORVI ha iniziato la pratica a settembre, vinto la coppa italia esordienti a dicembre e oggi si è portato a casa la classe C 77 kg dominando quattro avversari col solito cinismo. L'impegno paga.
Da ultimo Massimo SABEDDU: arriva al palazzetto con la faccia di uno invitato al suo funerale, poi trova in proiezioni e lavoro a terra l'alternativa alle ciavattate selvagge che ultimamente lo avevano tradito. Vince benone tre match di fila -e la 62 kg C- riacquistando la giusta sicurezza.
Dispiace di non aver visto in azione Matteo MARTUCCI in azione nella classe A a causa di un brutto infortunio. Anche con la maglia del tuo nuovo team umbro ti avremmo tifato a bestia e sappiamo che avresti fatto benone.

Sono contento dei risultati: pure le sconfitte ci hanno dato indicazioni sui lavori da svolgere in futuro. Sono contento dell'impegno dimostrato in palestra nelle ultime settimane. E sono contento di allenare un gruppo di ragazzi che si battono bene ma soprattutto si battono col sorriso.

POSCIA Valerio

Torna su

.................................................................................................

Passaggi di grado FTR: 6° KHAN
13 ottobre 2013 - ROMA

Domenica 13 Ottobre nella sede principale FTR, la palestra GOLDEN POWER, si sono svolti gli esami per il massimo grado di Muay Thai ossia il 6° KHAN.
Si sono presentati gli istruttori Andrea MANFRA, Federico CONTI, Andrea TORTORA e Marco CIPRIANI.
Dopo la delusione per la superficialità dimostrata dagli aspiranti arbitri Light Contact, tutti da rivedere in un'ulteriore step secondo i canoni di giudizio della direzione FTR, abbiamo avuto una lieta sorpresa.
Tutti quanti hanno preparato questo importante esame con grande professionalità e passione ed i risultati si sono visti.
Ottime tecniche individuali passibili solo di piccoli richiami, buone le risposte nelle domande trabocchetto ma eccellente dimostrazione nello sparring condizionato di una tecnica all'altezza del grado esaminato.
Veramente una bella soddisfazione per noi e complimenti a tutti, nessuno escluso.

FTR Family

Passaggi di grado FTR - 6° Khan

Passaggi di grado FTR - 6° Khan

Passaggi di grado FTR - 6° Khan

Passaggi di grado FTR - 6° Khan

Torna su

.................................................................................................

M.M.A. - I COPPA FIGHT CLUB

Appena conclusa la I COPPA FIGHT CLUB organizzata dal Maestro MIRI DANIELE in quel di Cassino.

La nostra squadra doveva schierare sei esordienti ma un paio hanno dato forfait, e per Andrea RIVABENE non si è trovato un avversario ma visto l'impegno dimostrato nelle ultime settimane contiamo di farlo esordire quanto prima (per i due di cui sopra vale il contrario). Veniamo ai match. Il primo a cimentarsi nella nuova specialità -con regolamento tipo classe C che non ammetteva leve alle gambe e ground and pound al volto è Patrizio FELIZIANI che per dieci secondi si attiene alla strategia concordata (incentrata su combinazioni di colpi dritti e low kick) poi inserisce il pilota automatico e rispolvera i suoi famosi attacchi saltati già visti ai Laghi del Salice, aiutando per due volte l'avversario a proiettarlo. A terra poi si è quasi ricordato come si fa il triangolo, ma "quasi" non è bastato e la vittoria è andata meritatamente al suo avversario. Salterino: 5.
A seguire è stata la volta di Simone Brown MARRONE che ha scelto di tenere il match in piedi con un ritmo non elevatissimo e un atteggiamento a tratti di sufficienza che non mi è piaciuto troppo, ma quando ha tirato ha infilato colpi di ottima fattura fino a trovare la conclusione prima del limite con un secco diretto sinistro. Gigione: 7 meno.
Last but not least Patrizio Raiden PONTECORVI: la sua missione era portare il match al suolo ma nei primi 30 secondi l'avversario gli ha complicato la vita con due ginocchiate all'inguine da antologia (e dire che Patrizio viene dal krav maga...i colpi bassi dovrebbero essere il suo pane!!) per la costernazione della sua fidanzata presente, seguite da un colpo vietato nella fase a terra. Fortunatamente il nostro ha mantenuto la calma e una volta passato a terra ha dominato tranquillamente la lotta portandosi a casa la vittoria ai punti. Dolorante ma non domo: 7.

Menzione d'onore per gli ultras della forchetta Daniele Porcelli e Gian Marco che sono venuti a supportare i compagni.

Daje noi.

POSCIA Valerio

Torna su

.................................................................................................

GRAPPLING - M.M.A.
Considerazioni di fine stagione 12

Questa mezza stagione di gare ci ha regalato soddisfazioni quasi insperate, considerate le dimensioni familiari del nostro team di Grappling ed MMA. I ragazzi migliorano e accanto ai soliti noti crescono altri che dai prossimi mesi sono sicuro faranno la loro parte per arricchire la bacheca. Magari rivedremo in azione pure qualche vecchia gloria. Per i successi dei ragazzi devo ringraziare in primo luogo loro, che si impegnano ogni giorno.

Poi ringrazio Bruno Barreto Santos per avermi insegnato le basi di quello che passo ai ragazzi –mestre, quando sei a Roma la nostra porta è sempre aperta- e Paoletto che cerca di non farmele dimenticare e ogni tanto con la santa pazienza riesce pure a insegnarmi una cosetta nuova. Ringrazio Danilo Capuzi per essere una persona di altri tempi che mi ha permesso di allenarmi gratis nella sua palestra. Ringrazio chi ci viene a trovare da altre palestre, specie gli amici di Terracina, e così ci arricchisce. Ringrazio Steve e Cristiano che ci seguono per la Muay Thai e che mi hanno dato fiducia in questi anni: spero di averla ripagata.

Dei risultati di questa stagione e di quelle precedenti sono contento -ci mancherebbe altro- ma la cosa che mi rende più orgoglioso è l’atmosfera che abbiamo creato e che manteniamo in palestra. Un ambiente dove a nessuno importa del lifestyle (se venite a trovarci alla Magliana non vi sbagliate: quelli vestiti Venum da cima a piedi non siamo noi…). Dove è dovere di chi è un po’ più esperto prendersi cura del principiante e ci aspettiamo che gli atteggiamenti da Rambo vengano lasciati fuori dalla porta. Dove ogni tanto invece della 50/50 o della deep half preferiamo rivedere una vecchia tecnica buona per la difesa personale tanto per non prendersi un cravattone o una testata in bocca dal primo che passa. E nessuno prende pasticche o polverine magiche o si fa le punture per diventare più forte.

Spero che continuando a regolarci così i ragazzi che salgono sul tatami o entrano nel ring o nell’ottagono seguiteranno ad avere successo; quello di cui sono certo è che continueremo a divertirci e a stare bene insieme.

Salute e Libertà a tutti i miei compagni del Fight Team.

POSCIA Valerio

Clash FC II, Ladispoli (RM) 20.07.2012

Salvo novità per il 28 questo è stato l’ultimo appuntamento agonistico prima delle vacanze. Esordio in gabbia con regolamento semi-pro (in piedi tutti i colpi incluse ginocchiate e gomitate al viso, a terra niente colpi al viso) per Matteo Martucci e Giacomo Saturnini.

Giacomo proviene dalla scuola di sanda del maestro Daniele Miri di Cassino, ed è con noi solo da maggio. Ha combattuto a 70 kg dimostrando grande coraggio nel volersi subito mettere alla prova. Dopo neanche 20 secondi di match in cui aveva già raggiunto il suo avversario di casa con un destro pesante quest’ultimo ha accusato un infortunio alla spalla ed è stato decretato il no contest. Ciociaria violenta.

Matteo ha tirato a 73 kg contro Marlon Osorio, altro atleta di casa della Bad Boys. In piedi ha dimostrato grandi miglioramenti centrando l’avversario con un secco diretto sinistro in apertura e con qualche buon low kick, Avevo chiesto che non lasciasse l’iniziativa all’altro come gli capita di fare in palestra e sono stato accontentato. Poi solite ottime proiezioni e lavoro a terra con ripetuti passaggi di guardia e controllo. Già nella prima ripresa Matteo è andato in monta e ha preso la schiena. Peccato per le due ginocchiate in faccia rimediate nel clinch: avevamo capito -sbagliando- che nei semi-pro non si potessero tirare così presa la prima Matteo ha aspettato l’arbitro…e ha preso la seconda!! Nel secondo round però nessun calo di concentrazione: altra proiezione, passaggio di guardia, monta, schiena e strangolamento.

Ottimo.

Campionati Italiani di Mixed Martial Arts FIGMMA, Roma:

All’appuntamento più importante della stagione FIGMMA ci presentiamo con i soliti Leonardo “Mini Me” Parisi e Matteo Martucci impegnati rispettivamente nella Classe A Junior (18-20 anni) e C Senior. Una bilancia ballerina proietta Mini dalla -71kg alla categoria superiore (-77) dove nel grappling ha incontrato poca fortuna…il nostro è titubante ma dopo il provvidenziale intervento di Alfredo Achilli che lo trascina dentro per un orecchio si “convince” a combattere lo stesso. Un solo avversario in categoria e un match perfetto lo laureano Campione Italiano in un paio di minuti. L’avversario, aggredito in piedi sin dai primi secondi e dominato anche a terra, viene infine stoppato per kot (o per cappotta…non ho ben capito)  per pugni dalla monta sul punteggio che mi pare fosse di 20-3.

Più lunga la salita di Matteo, che per togliersi lo sfizio di un oro nella -77kg ha dovuto disputare tre match sotto un tendone che già a metà mattina era diventato una sauna. Esordio vittorioso ma non brillante dove il nostro subisce più punti del previsto perché eravamo ignari che da quest’anno spingendo l’avversario fuori dall’area di gara si guadagna un punticino. Semifinale invece perfetta in cui domina in scioltezza a terra un avversario che palesemente avrebbe preferito scambiare in piedi. All’ora di cena finalmente la finale contro l’atleta del Grappling Clan con cui era uscito agli italiani di grappling (pur pareggiando): anche questa volta match tiratissimo in cui Matteo usa pure la nuova regola della “spintarella” a suo vantaggio. Anche stavolta i due finiscono pari ma il karma oggi è dalla nostra e Matteo, avendo segnato l’ultimo punto, si laurea campione italiano!!

martuccicampioneitaliano

Ogni botta una tacca.

Campionati italiani di Grappling FIGMMA, Ostia (RM):

Campionati capitati in mezzo ai vari eventi di MMA per cui non me la sono sentita di chiedere a Leonardo Parisi di mettersi a dieta, lasciando che disputasse la -77kg C insieme a Matteo Martucci. Ha disputato la -77kg ma non era la sua categoria e purtroppo una leggerezza nel passare la guardia gli è costata l’eliminazione al primo turno contro un bravo atleta dell’Aeterna. Speravamo che il suo avversario andasse in finale “ripescando” Leo, ma purtroppo così non è stato e i suoi campionati italiani si sono conclusi in sordina.

Martucci invece esce dalla gara imbattuto ma rimedia solo un bronzo. Primo turno poco brillante contro l’amico Falena (al secolo Fabio Mosconi) dell’Otzuka che Matteo ha ripreso nel finale del match agguantando la vittoria.

A seguire quarti di finale contro un avversario che lo chiude in kimura: Matteo resiste e con freddezza riesce ad aggiustare la posizione e a togliersi dai guai, andando poi a vincere il match.

Semifinale quasi tutta in piedi contro un forte avversario del Grappling Clan. Matteo proietta e arriva in controllo laterale ma come da regolamento non si vede assegnare i punti perché l’avversario continuava a tenergli la testa (come se da sotto la side ci potesse essere ghigliottina). Alla fine è 1-1 con una proiezione a testa…pensavamo già all’overtime e invece l’arbitro alza la mano all’avversario. Scopriamo così che da quest’anno chi fa punto per ultimo in caso di pareggio è considerato vincitore. Nessuna polemica con gli arbitri, che si limitano ad applicarle, ma certe regole  (specie quella per cui “cravattando” la testa si invalida il passaggio di guardia) fanno veramente ridere.

Matteo comprensibilmente si incazza e nello spareggio finale travolge il suo avversario andando a rimediare l’ennesimo bronzo.

Agrodolce.

Night Of Fighters XI FISCAM Laghi del Salice (Roma)  20.04.2012

Prima gita scolastica a contatto pieno per Martucci e Parisi. Arriviamo col cestino della merenda ai Laghi del Salice convinti -dal momento che via e-mail mi era stato chiesto se avevo atleti esordienti- di dover disputare due match fra dilettanti con riprese da 3 minuti, caschetto e paratibia, niente ginocchiate al viso e via discorrendo.

Dopo qualche minuto scopriamo che il team degli avversari preferirebbe riprese più lunghe…poi che le ginocchiate saranno ammesse anche al viso…dopo un'altra mezzora che dall’altro angolo non vogliono caschetti né paratibia…io l’ho trovato strano per degli esordienti e onestamente ero perplesso ma Mini e Matteo hanno deciso di non tirarsi indietro. Risultato: due match con poca storia vinti prima del limite dai nostri (alla prima ripresa Matteo, alla seconda Leonardo)  per ground & pound dalla posizione di monta.

Della serie contenti voi contenti tutti.

SLAMM FC Firenze 11.03.2012

Leonardo Mini Me Parisi e Matteo Martucci hanno disputato il torneo di mma light nell'affollata categoria -75kg (circa 15 atleti in gara) in quella che è stata la loro ultima gara a contatto leggero.

Mini si fa sorprendere al primissimo scambio da un gancione che di light non aveva nulla e quasi gli rompe il naso. Nonostante il sangue che gli usciva a fiotti ha voluto continuare e dopo quella prima sortita l'avversario si è defilato dal match. Leo, infastidito dall’incidente di cui sopra, lo ha incrociato di braccia, proiettato e montato con facilità in tutte le riprese fino all'intervento arbitrale per manifesta superiorità tecnica al terzo round. Purtroppo al secondo turno, nonostante l'emorragia si fosse ridotta a qualche goccia e dopo pochi secondi Leo fosse già in controllo laterale  sul suo avversario, un arbitro più sensibile alla vista del sangue ha deciso di fermare il match. Peccato perchè la mia impressione è che avremmo visto un derby FTR in finale.

Martucci col passaggio di categoria ha smesso di patire la fame e, nonostante regali un paio di kg agli avversari, i risultati sembrano dargli ragione. Tutto da copione a terra, con 4 match interrotti prima del limite dagli arbitri per ground & pound dalla monta, da ginocchio sullo stomaco o dalla schiena. In piedi repertorio tecnico ampliato da nuove proiezioni e da uno striking in evoluzione. Dei quattro affrontati solo l'avversario della finale gli ha creato qualche difficoltà con delle buone ginocchiate e un tentativo di ghigliottina comunque ben difeso da Matteo. Il solito schiaffone educativo (...) e un oro strameritato

Ringraziamo l'organizzazione dell’evento per le regalie ricevute ed il nostro sponsor tecnico Signoramamadimartucci per i biscotti che hanno allietato la nostra trasferta nella terra di Pacciani.

Call Of Duty Tuscany.

CirceON Submission Gappling Day, San Felice al Circeo (LT) 05.03.2012

Torneo di grappling e giornata di sport veramente bella grazie all'ospitalità dei ragazzi dell' MMA FIGHTING TEAM dell’amico Alfredo Achilli. Per noi bilancio più che positivo con tre atleti in gara e 6 match tutti vinti (4 per finalizzazione).

Matteo Martucci si classifica #1 nei 75 kg disputando due gran bei match. Proietta il primo avversario che cercava una proiezione Ugo il Re del Judo con un suplex stile Uomo Tigre, monta e finalizza di armlock. Al secondo giro proietta con single leg, prende la schiena e chiude con triangolo inverso. Nice & easy.

Due vittorie ai punti per Leonardo Parisi: nettissima la prima, sofferta ma strameritata la seconda, che ha richiesto ben due overtime. Secondo posto per lui dietro al compagno di squadra Martucci (la vittoria per finalizzazione dava un punto extra). Cocciuto.

Il piccolo lord Danilo Leporani non risente della tensione dell'esordio e senza scomporsi troppo finalizza il primo avversario con un bel triangolo ed il secondo con un’americana dalla monta, vincendo la 70 kg senza colpo ferire. Festeggia concedendosi un sobrio giro di tatami invece di volgari esultanze plebee. Regale.

POSCIA Valerio

Torna su

.................................................................................................

CALCI, PUGNI E SHOW: CELEBRITA' SUL RING
10 dicembre 2011 - IL MESSAGGERO.IT

articolo dell'evento Gran Prix 2011 di Roma apparso su ilmessaggero.it - 10 dicembre 2011Riportiamo la rassegna stampa del 10.12.2011 apparsa sul sito del quotidiano nazionale Il Messaggero aggiungendo che in quella occasione ha combattuto anche Manuele RAINI (in foto di repertorio).

http://www.ilmessaggero.it/articolo.php?id=172716&sez=HOME_ROMA

FTR Staff

Torna su

.................................................................................................

4^ COPPA ITALIA GRAPPLING
11 dicembre 2011 - ROMA

Gruppo FTR alla 4^ Coppa Italia Grappling FIGMMA - 11 dicembre 2011 - RomaPer quest’importante evento che ha aperto la nostra stagione agonistica nel grappling avremmo voluto schierare la squadra al completo: purtroppo infortuni sul lavoro (un abbraccio a Mirko Catapano, che si è quasi staccato un dito complice una porta blindata, ma che a gennaio sarà di nuovo sul tatami), problemi di salute e impegni familiari ci hanno privato di tre o quattro elementi che avrebbero potuto ben figurare, lasciando in gara solo i soliti Martucci e Parisi oltre a Massimo Sabeddu al suo esordio nel grappling.

Massimo frequenta il corso di grappling da poco più di due mesi, un periodo che sconsiglierebbe la partecipazione ad un torneo. Ho deciso di farlo gareggiare per premiare il suo impegno e la sua assiduità, e per fargli fare più esperienza possibile in vista di un esordio nelle MMA in cui possa esprimere tutte le sue capacità di striker. Non sono stato deluso: Massi ha rotto il ghiaccio in una semifinale tirata, evitando gli errori ed aggiudicandosi il match sul finire con uno slam veramente spettacolare. Giunto quindi in finale Massimo ha tenuto inizialmente il match in piedi, per poi proiettare nella seconda metà portandosi in vantaggio. A circa un minuto dalla fine l’avversario gli ha però infilato un triangolo: nonostante non ricordasse perfettamente l’uscita appropriata Massimo ha difeso prima alzandosi in piedi per guadagnare tempo e poi mantenendo la postura. A pochi secondi dalla fine il triangolo sembrava entrato, ma “Cardio” Sabeddu ha resistito stoicamente fino alla campanella e chiudendo il match ancora in vantaggio. Subito dopo però ha cercato di rialzarsi bruscamente ed è caduto per un giramento di testa…al che l’arbitro centrale (non quello sul tappeto, che non aveva ravvisato alcunché) ha pensato bene di punire il sottoscritto per aver esortato l’atleta a resistere (mettendolo a suo dire in pericolo) e ha sovvertito il verdetto sostenendo che Massimo sarebbe stato già svenuto durante il match (!!?) e che quindi la vittoria era dell’avversario. Abbiamo visto quindi il primo caso di “finalizzazione postuma” assegnata nella storia dello sport, ma per quanto mi riguarda il vincitore della Coppa Italia, classe D -60 Kg resta Massimetto.

Leonardo Parisi questa volta ha faticato più del solito a rientrare nei -70 (classe C). Al primo match si è trovato opposto ad un ottimo atleta: dopo qualche incertezza iniziale Leo ha però ritrovato lucidità ed è riuscito a superarlo all’overtime facendo un buon lavoro di guardia. Al secondo turno Leo è partito ancora contratto, con un avversario che ha guadagnato rapidamente la schiena e sembrava sul punto di strangolarlo: tuttavia Mini non si è arreso e pazientemente ha prima difeso il tentativo di strangolamento per poi riuscire a ribaltare la posizione. Purtroppo però la difesa aveva preso il suo tempo: con circa un minuto da lasciar trascorrere l’avversario ha (comprensibilmente) iniziato a rifiutare la lotta arretrando fino al bordo del tappeto per non rischiare il vantaggio accumulato. Leo è passato all’attacco ed è riuscito a proiettarlo con facilità due o tre volte, ma l’azione si è sempre conclusa fuori dall’area di gara venendo ogni volta interrotta. Nulla da rimproverarsi comunque per Leo, che ha riscattato qualche incertezza dimostrando determinazione e tecnica nell’uscire da una situazione che sembrava disperata.

Partenza demenziale per Matteo Martucci (anche lui nella -70 C). Si presenta a Ostia asserendo di sentirsi debole, e a domanda rivela candidamente di non aver fatto colazione perché (cit.) “la mattina non ha fame”. Il primo match è uno sfacelo, con l’avversario riminese (o riminense?) che per la prima volta in assoluto lo proietta, e gli infligge 8 o 9 punti prima di strangolarlo. A quel punto ricordo vagamente di aver avuto per Matteo parole di grande amarezza che però sono servite allo scopo: Matteo si è rifocillato e –usufruendo del ripescaggio grazie al suo giustiziere giunto in finale- è potuto tornare sul tatami. Sarà stata la frutta secca o un moto d’orgoglio ma a questo punto ha disputato due lotte eccellenti: ha liquidato coi soliti metodi e per cappotta (10 a 0) il campione degli scorsi campionati italiani, che la scorsa primavera lo aveva sconfitto per squalifica, e con un perentorio 6 a 1 un altro avversario nella finalina per il bronzo. Per evitare cali di tensione a partire dalla prossima gara lo insulteremo direttamente prima di entrare nel palazzetto.

Gruppo FTR alla 4^ Coppa Italia Grappling FIGMMA - 11 dicembre 2011 - Roma

Due medaglie su tre atleti in una competizione con 300 partecipanti in gara non sono un risultato di cui ci si possa lamentare ma, a parte gli aspetti tecnici su cui stiamo già lavorando in palestra, a partire dalle prossime gare vorrei fortemente poter schierare la squadra al completo. Spero quindi di vedere il ritorno alle competizioni  di veterani oberati dal lavoro come gli ingegneri  Pipoli e Ruocco oltre all’esordio di  nuove leve come “Succo di Frutta” Picierno e Miko Catapano. Se poi dovessimo anche rivedere in gara gente ormai traviata dalla vita notturna come Luca Alesi e Mirko Ortolani vorrà dire davvero che il Fight Team Roma è il luogo dei miracoli…

Valerio Poscia

Torna su

TROFEO CITTA' DI ROMA
27 novembre 2011 - ROMA

Nella splendida cornice del “Relais Castrum Boccea” si è svolta la prima edizione del Trofeo Città di Roma, organizzato dalla neo-federazione FISCAM, che ci vede presenti con numerosi atleti provenienti dalle sedi FTR: Gianluca VALERI, Gabriele PERRONI, Simone FABENE e Patrizio FELIZIANI dell' AGORA' GYM, Mattia BASADONNA e Valentino CARELLA della GOLDEN POWER, Filippo LA GRECA, Orso AVENALI, Vito DANTE e Michela VERDUCCI della KICKBOXING ROMA CLUB, Daniele GIANNI e Francesco CALZONE della CORALLO.
Menzione a parte per l'esordio assoluto nelle MMA light per i due 70 kg del nostro team Leonardo Parisi e Matteo Martucci della GOLDEN POWER.

KICKBOXING ROMA CLUB
Il primo match della squadra chiama sul quadrato l’esordiente Michela VERDUCCI per il K-1L.
Tesa già un’ora prima dell’esordio, Michela entra nel quadrato non troppo tranquilla ma nel corso del match dimostrerà invece di essere più forte dell’emozione proponendosi molto bene nella prima ripresa dove nella prima metà metterà al tappeto l’avversaria in uno scambio di colpi di braccio a corta distanza.
Seconda ripresa intensa di colpi dove Michela comincia a chiudere le tecniche di pugno con precisi middle kick che vanno quasi sempre a bersaglio ma, passata ormai la tensione, si intestardisce cercando in continuazione, anche se in netto vantaggio, lo scambio con l’avversaria, cosa che risulterà controproducente in quanto Michela finirà spesso e volentieri sotto il “fuoco” avversario.
Prova soddisfacente di Michela che si aggiudica il match per preferenza dei giudici .
C’e’ da lavorare ma sicuramente Michela è, e diverrà, ancora di  più una degna atleta FTR. BRAVA!

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Secondo altea sul quadrato e’ il nostro Orso AVENALI che già nella scorsa stagione ha dimostrato il suo valore e ancora una volta darà prova della sua bravura e dei suoi continui progressi tecnici.
Poco da dire sul match…prima e seconda ripresa dominate da Orso che mostra ai giudici e al pubblico tutti i colpi del K-1L.
Molto pulito e tecnico come al solito Orso ci stupisce stavolta mostrando ottime e precise  tecniche di rimessa che, nella scorsa stagione, erano probabilmente il suo unico neo e che in questo match metteranno in difficoltà l’avversario che diverrà man mano restio a prendere iniziative offensive lasciando Orso libero di condurre il match a suo piacimento. Molto molto bene …

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Terzo sul quadrato il nostro Filippo LA GRECA per la muay thai light. Avversario ostico e offensivo per Filippo che come al suo solito inizia molto lento e subisce un po’ l’avversario, cosa che un atleta con l’esperienza di Filippo non può assolutamente permettersi.
A metà ripresa Filippo si sveglia e comincia a padroneggiare nel match mostrando di essere capace di pregevoli uscite laterali seguite da un ottima tecnica di rimessa.
Ripresa probabilmente pari a causa della "dormita" iniziale di Filippo. Seconda ripresa dominata soprattutto dalle tecniche di lotta in clinch dove Filippo piazza continui colpi di gomito e ginocchio con una frequenza impressionante (cosa che in palestra gli e’ valso il nomignolo di “CAVALLO PAZZO”).
Seconda ripresa e vittoria nella semifinale per Filippo. Ottima prova, tranne la “pennichella” iniziale!

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Il quarto match propone purtroppo uno scontro fratricida in quanto e’ una finale tra due atleti della stessa squadra, Filippo LA GRECA e Vito DANTE. Ma questo è un segno lampante dell'ottimo insegnamento della nostra Scuola.
Prima ripresa probabilmente pari in quanto i due atleti si sono affrontati soprattutto sulla media distanza portando a segno molte combinazioni sia di braccia che di gambe; ripresa nella quale Vito ha sfruttato al meglio il suo maggior allungo (in quanto più alto) e Filippo la sua maggiore esperienza di combattimento.
Seconda ripresa totalmente diversa dalla prima basata soprattutto sulle tecniche di lotta in clinch dove Filippo ha padroneggiato piazzando numerosi colpi di ginocchio anche grazie ad un vistoso calo di ritmo di Vito che si e’ comunque difeso molto bene dimostrando di essere all’altezza della situazione.
Si conclude così il torneo di muay thai light che vede i nostri Filippo primo classificato e Vito secondo.
Complimenti a entrambi per aver dato vita ad un bel match molto combattuto.

Fedrico CONTI - Tito STIRPE

 

AGORA' GYM
Il primo a salire sul tatami è Gianluca “ICE MAN” VALERI, il più giovane del gruppo, che reduce da una squalifica per eccesso di contatto affronta il match un po’ più contratto del solito. Poche tecniche, ma efficaci, garantiscono comunque a  Gianluca di vincere nettamente il suo incontro.
Migliora tutto l’aspetto difensivo e vedrai che arriveranno grandi soddisfazioni.

Neanche il tempo di gustare la prima vittoria che sul tatami è il turno di Gabriele PERRONI. Emozionato come sempre, è però riuscito a trasformare queste sensazioni in voglia di vincere.
Il susseguirsi di combinazioni braccia-gambe che si abbatte sul “malcapitato” avversario di Gabriele (che a volte si dimentica che non si può solamente attaccare) ci permettono di portare a casa un altro successo.
Migliora il foot-work e la difesa e vincere sarà ancora più facile.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Ecco il momento di Patrizio FELIZIANI.
Atleta fisicamente prestante e dotato di ottima tecnica, Patrizio ha così tanta fame agonistica che spesso tende a sopraffare i propri avversari sul piano fisico più che su quello tecnico. Un match che avrebbe vinto col minimo sforzo, lo vede squalificato  per la sua troppa  foga.
La mancanza di uno dei due finalisti permette però a Patrizio di potersi rifare nella finale del suo girone. E stavolta è tutta un’altra musica: ottime combinazioni, con colpi anche spettacolari, ed un po’ più di calma vedono prevalere il nostro “BAD BOY”, nonostante si trovi di fronte un atleta di  buon livello.
FINALMENTE IL MOMENTO DELLA PRIMA VITTORIA ANCHE PER LUI!!!!
Speriamo che adesso ti sia convinto dei tuoi mezzi: cerca di sentire di più il tuo angolo, ricordati di tenere sempre una buona guardia e vedrai che incontrerai pochi ragazzi superiori tecnicamente a te.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Alla fine il turno di Simone FABENE.
Che dire: match equilibrato, ma  per colpa di un colpo allo stomaco e ad un po’ di agitazione, Simone si vede sfuggire un match che avrebbe sicuramente potuto vincere.
Bene i colpi di gambe, un po’ meno la difesa e l’approccio all’incontro. Cerca di stare più tranquillo e di non andare in affanno, sappiamo tutti che puoi farlo, e presto arriveranno i successi.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Complimenti a tutti  ragazzi e grazie a chi è venuto a sostenere i propri compagni.

Andrea Tortora - Claudio Onofri - Giorgio Nobile

 

IL CORALLO
Il primo a combattere nella categoria K1L -70kg e' Francesco CALZONE, atleta proveniente dal Full Contact che si allena con noi da settembre. Francesco, molto migliorato dal suo ultimo match tiene in pugno l'incontro per tutte le riprese, usando soprattutto colpi di boxe, cosa che gli era mancata nel suo match d'esordio che lo vide perdente e che questa volta, invece, ha fatto la differenza.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Nel muay thai light cat -75kg abbiamo l'ormai veterano Daniele GIANNI. Purtroppo come suo solito affronto il primo round con sufficienza e poca incisività, quasi da addormentato, ma per fortuna una bella strigliata nell'intervallo lo ha fatto partire con un secondo round fantastico. Una ripresa in cui ha dominato l'avversario su ogni fronte; anche per lui vittoria meritata.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Ci dispiace per gli atleti che per infortunio o problemi hanno dovuto saltare la gara, avranno modo di rifarsi, ed i nostri complimenti ai vincitori sperando che continuino su questa strada.

Roberto Luttazi - Massimo Delle Fratte

 

GOLDEN POWER
Mattia BASADONNA esordisce nel K-1 light, si e' preparato molto e voleva fortemente fare bella figura nel suo primo match. Nonostante una grande emozione che poteva condizionarlo entra subito nel match e sciorina ottime tecniche braccia e gambe con una sorprendente fluidita' e scioltezza. Si impone nettamente in tutte le riprese e porta a casa una vittoria senza storia.
Complimenti Mattia e continua cosi.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Dulcis in fundo è stato il turno di Valentino CARELLA nella muay thai light. Ormai "Veterano" di questa disciplina con uno score illibato, Valentino si gode l'intera giornata sportiva concedendosi addirittura una prenotazione al ristorante per gustarsi un abbondante piatto di carboidrati.1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTRSi presenta successivamente sul tatami con le sue migliori prerogative: calma e convinzione. Stavolta trova un avversario aggressivo e molto scomposto che lo attacca in maniera disordinata. Prima ripresa che vede molti interventi arbitrali e di difficile interpretazione; nella seconda Vale alza il ritmo ed impone la sua classe superiore, un punto di penalizzazione e successiva squalifica determinano la vittoria dell'atleta FTR che comunque stava spadroneggiando....è di nuovo Carella!!!

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Passiamo ora alle MMA a contatto leggero.

Martucci, all’esordio contro il più esperto Bosca di Terracina, si è ottimamente comportato nella prima ripresa, proiettando ripetutamente l’avversario e gestendo ottimamente la lotta al suolo da posizione dominante. Purtroppo nel secondo round Matteo ha deciso di abbandonare la lotta e testare il suo striking ancora acerbo contro un avversario che ha già buone esperienze di sanda ed MMA a contatto pieno. Lo avrei dissuaso volentieri, consigliando di ripetere l’approccio che aveva pagato nel primo round, ma purtroppo…stavo arbitrando!! Primo match perso quindi ai punti di misura. Nel secondo match, opposto ad un avversario dell’Accademia Romana, Matteo non ha invece lasciato nulla al caso: solita pesante proiezione in double leg seguita da passaggio di guardia, montada, passaggio sulla schiena e strangolamento che ha chiuso il match in meno di un round…bravo Matteo. Avremmo potuto vedere anche un terzo match, ma una ginocchiata rimediata durante la giornata aveva toccato il naso già “acciaccato” in allenamento: subito dopo aver proiettato il suo terzo avversario il nostro ha ripreso a sanguinare ed è stato fermato dal medico pur trovandosi in posizione dominante.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Due vittorie ai punti su cui c’è poco da dire invece quelle di Leonardo “Mini Me” Parisi: contro entrambi i suoi avversari Leo ha messo in mostra netti miglioramenti nello striking imponendo la sua tecnica ed evitando (come gli era stato chiesto) di lasciarsi trascinare in scambi a viso aperto. Buoni come di consueto anche il lavoro di proiezione e quello al suolo, dove non è mai stato in difficoltà. Avanti così.
In conclusione il pubblico ci è parso interessato e la giornata è stata sicuramente un’ottima occasione di crescita per tutti: speriamo di ripetere presto l’esperienza del light a beneficio degli amatori che stanno crescendo in palestra alla Magliana, e di vedere a breve i ragazzi più esperti confermare i buoni risultati già ottenuti nel Grappling e nella Muay Thai/K-1 anche nelle MMA a contatto pieno.

1° TROFEO CITTA' DI ROMA - 27.XI.2011 - Il report FTR

Cristiano Galletti - Steve Buffoni - Valerio Poscia

Arrivederci allla prossima manifestazione.

Torna su

.................................................................................................

Stage multidisciplina FTR
20/22.05.2011 - Marina di Castagneto (LI)

Si e’ svolta nei giorni  20-21-22 maggio presso l’hotel “alle dune” in Marina di Castagneto (LI) la tre giorni dedicata agli sport da ring organizzata dal M° Daniele MALORI nella quale il FIGHT TEAM ROMA ha presieduto gli stage di MUAY THAI e K-1 RULES con gli istruttori  Federico CONTI e Tito STIRPE.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)

Tre giornate molto interessanti e intense nelle quali i  partecipanti, 90 persone di cui 60 atleti, hanno avuto possibilità di allenarsi fino a sei ore giornaliere divise in uno stage mattutino e uno pomeridiano da tre ore ognuno, proponendo ogni giorno diverse discipline.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)

Nella prima giornata si e’ svolto lo stage dedicato alla preparazione atletica per gli sport da combattimento diretto dal M° Luca MARTORELLI durante il quale si è approfondita in maniera teorica la preparazione atletica  per i nostri sport, passando poi alla pratica fatta in riva al mare dove sono stati mostrati e svolti tutti insieme i migliori esercizi fisici per noi e per i nostri atleti. Fase dello stage molto bella e soprattutto interessante.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)

Nella mattinata del sabato si è svolto lo stage congiunto di boxe e kick boxing diretto dal M° Daniele MALORI  e dal M° Paolo RALLI  dove è stato possibile vedere e mettere in pratica le migliori tecniche pugilistiche proposte dai due maestri che alla fine riscuoteranno il meritato plauso dei partecipanti per aver svolto in maniera egregia lo stage.

Nel pomeriggio ha preso il via lo stage FTR riguardante la muay thai diretto dagli istruttori Federico CONTI e Tito STIRPE con la collaborazione del nostro amico Alessandro MERLOTTI.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)Lo stage si e’ svolto in tre postazioni di lavoro nei quali tre diversi gruppi di atleti ruotavano a intervalli di 15 minuti ognuna, riuscendo cosi a mettere in pratica un programma tecnico-pratico di ottimo livello.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)Molto soddisfatti i circa 50 partecipanti che hanno così scoperto il fascino e la durezza della muay thai in uno stage che li ha tenuti impegnati per tre ore consecutive.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)Ultimo stage della tre giorni, ma non per importanza, quello dedicato al K-1 RULES diretto sempre dagli istruttori FTR con la collaborazione di Merlotti
Altro stage di livello al quale, rinunciando ad una domenica estiva con il mare a pochi metri, hanno partecipato una trentina di persone.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)Un fine settimana molto intenso di eventi, in un ambiente eccelso, un'esperienza bellissima per noi e sicuramente anche per i partecipanti  che hanno mostrato più volte la loro soddisfazione che per noi, tutto lo staff e gli organizzatori è il compenso piu’ grande.

Stage FTR - 20/22 maggio 2011 - Marina di Castagneto (LI)

Al prossimo anno!!!

Federico CONTI
Tito STIRPE

Torna su

.................................................................................................

FIGHT TEAM ROMA: Università della Lotta
09.04.2011 - quotidiano "Il Tempo" di Roma

Molto interessante e approfondito l'articolo riguardante la nostra Scuola, uscito in edicola sabato 9 aprile sul quotidiano "Il Tempo" di Roma.

Vogliamo condividere con voi la soddisfazione di tanti anni di passione e costante lavoro. Se siamo quello che siamo è anche grazie a Voi.

Fight Team Roma: Università della Lotta - articolo uscito sul quotidiano "Il Tempo" di Roma. Sabato 9 aprile 2011

Torna su

.................................................................................................

MUAY THAI PROMOTION CUP
16.01.2011 - Fabrica di Roma (VT)

Muay Thai Promotion Cup

Il 16 gennaio 2011 la asd Fight Team Roma, in collaborazione con i maestri Zozzi e Gentile ha organizzato la MUAY THAI PROMOTION CUP, un trofeo promozionale dilettantistico di muay thai aperto a tutte le società del Lazio.

Grande successo della manifestazione, minuziosamente curata nei dettagli dagli organizzatori, dove nulla è stato lasciato al caso: dal palazzetto di nuova generazione alle splendide coppe per tutti i partecipanti, dalle 3 ambulanze a disposizione  per la sicurezza di atleti, ospiti e spettatori, al posto di ristoro ambulante stazionante all’ingresso della struttura.

Un'impeccabile evento che, a detta degli addetti ai lavori e non, ha fatto CULTURA SPORTIVA.

Per quanto riguarda gli atleti FTR....

Il primo ad aprire la manifestazione è Mauro FORTE che rientra dopo l'improvvisa operazione di appendicite. Semifinale vinta senza appello, Mauro è nervoso e contratto per via del lungo stop, ma anche un Forte a mezzo servizio basta e avanza per dominare un avversario coriaceo.
Nnella finale il nostro golden boy rompe il ghiaccio e riprende fiducia, sciorina tutto l'arsenale di cui dispone e devasta l'avversario con un distacco di punti siderale!!! E' sempre lui e minitorneo vinto.

Esordisce poi il nostro Valentino CARELLA che da mesi si è dedicato anima e corpo a migliorarsi tecnicamente. E' ora di confrontarsi sul ring. La prima ripresa è disastrosa, in balia della tensione e dell'emozione paga pegno e regala la ripresa al suo avversario.
Nella seconda pensa "vivere o morire", inverte la tendenza negativa e sfoggia una prova di grande carattere, la tecnica lo assiste, e si aggiudica la ripresa facilmente.
E' extra round! Vale mantiene il trend del round precedente dominando l'avversario a 360 gradi, lo tempesta di colpi sopraffini e questi non trova di meglio che caricare disordinatamente per recuperare lo score. Ma questo non fa' altro che scoprirlo ai vari colpi di Valentino che lo atterra d'incontro. Vittoria senza dubbi per il nostro Carella che dedica la coppa ai Maestri ed esce raggiante dalle corde. Complimentoni Vale!

La Vigor/Corallo schierava come atleti gli ormai famosi Filipponi, ossia Luca FILIPPONI cat. -70 e Marco SERAFINI (alias Filipponi 2) cat. -80. Partiamo con il match di Filipponi, trova un avversario più alto, irruento e alquanto scomposto, il nostro segue solo in parte i consigli dell'angolo, e quando li ascolta riesce a portare dei buoni diretti e delle efficaci ginocchiate in clinch. Nei 2 round prevalgono le fasi di clinch, dove si vedono anche alcune gomitate da parte di Luca, il giudizio finale lo da perdente, ma come inizio va bene, sopratutto perche ha mantenuto la lucidità.
E passiamo a Serafini, il suo avversario è più alto, più pesante, più esperto...ottime premesse! L'avversario colpisce duro sbracciando con ganci larghissimi, basterebbe un diretto del Filipponi2 per centrarlo quasi come un calcio di rigore invece il Filipponi2 lo segue a ruota...colpisce troppo duro e rigido, e non sente ciò che gli viene consigliato dall'angolo. I 2 round vanno cosi tra sbracciate ed alcuni buoni colpi di Marco, che non bastano per farlo vincere. Marco si è fatto prendere dalla foga in questo primo match, errore che ci auguriamo non ripeterà nel prossimo; la tecnica ce l'ha, la passione anche. Bravi Filipponi Continuate cosi! Stay Strong!

Esordio per Patrizio FELIZIANI atleta FTR emergente dell'Agorà. L'emozione ha contraddistinto tutto il match, nonostante la buona preparazione atletica, Patrizio non riesce ad esprimersi al meglio, contratto e agitato porta colpi troppo forti per un incontro  light, da subito richiamato dall'arbitro per un diretto destro d'incontro. Il match è stato un susseguirsi di richiami alla calma da parte dell'arbitro. Gli atleti si aggiudicano un round  a testa e alla fine, arrivati all'extra round, prevale la maggiore esperienza del suo avversario, decisamente piu avanti negli anni e non al primo match. Da ricordare alcuni colpi spettacolari come le ginocchiate volanti più volte segno e la tenacia nel clinch. Tutto fa ben sperare per il futuro. 

Altri esordienti FTR per la Golden Power nella thai light sono Luca ZINICOLA ed Andrea MANFRA. I due vengono accoppiati con due avversari esperti che, senza avversari nel contatto pieno, accettano di tirare a contatto leggero.
Luca e Andrea, pagano lo scotto del noviziato e vengono accumunati dalla stessa condotta di gara nonchè al conseguente risultato negativo.
Entrano nel quadrato molto contratti e non si esprimono ai loro livelli: sprazzi di bella tecnica a momenti di empasse prolungati. I loro dirimpettai non si dimostrano nettamente superiori ma il risultato arride a loro.
Aspettiamo le prossime gare per vedere il vero livello dei nostri Manfra e Zinicola. Più convinti ragazzi!!

Saliva poi sul ring il nostro Filippo LA GRECA che disputava il suo primo match di muay thai. La prima ripresa vedeva l'atleta FTR subire troppo le azioni offensive avversarie non trovando poi il tempo giusto per le azioni di rimessa. Prima ripresa a favore dell’avversario. Superata l’emozione iniziale, nei successivi due minuti Filippo da il meglio di se, si muove molto non dando riferimenti, mette a segno un hi-kick che per poco non mette a terra l’avversario e nelle tecniche di clinch inserisce numerosi colpi di gomito, molti dei quali vanno a segno.  Seconda ripresa per Filippo e si va quindi all’extra round. 3° round molto intenso nel quale il nostro atleta mostra al pubblico due gomitate discendenti nel clinch e una gomitata saltata dalla distanza,  le quali vanno tutte a segno entusiasmando il pubblico e convincendo i giudici. Vittoria meritata per Filippo che ha tenuto tutti con il fiato sospeso in un match molto bello e intenso fino all’ultimo. 

Faceva successivamente ingresso nel ring  il nostro Guido GABRIELLI,  giunto al suo terzo match in carriera.  Guido inizia il match dando dimostrazione di ottima tecnica e grande sicurezza, proponendo  fin dall’inizio un ritmo elevato che in entrambe le riprese ha messo in grande difficoltà  l’avversario,  più volte rimasto chiuso alle corde sotto i colpi di Guido. Ottime le combinazioni portate dal nostro atleta che non si è per nulla risparmiato, mostrando concatenamenti e  varietà di colpi degni di un campione affermato. Splendida prestazione ed ennesima vittoria per Guido. 

Nel match successivo esordiva il nostro Michele MARCONI. Michele, visibilmente teso per l’esordio, incontrava un avversario molto ostico che puntava esclusivamente nella lotta in clinch facendo risultare il da subito il match molto faticoso e duro, specialmente nella prima ripresa dove si sono viste pochissime combinazioni dalla media distanza. La seconda ripresa vedeva il nostro atleta più mobile, riuscendo così ad evitare il pesante clinch avversario mettendo a segno alcune buone tecniche di rimessa alternate ad alcuni calci frontali andati a bersaglio sulle continue  avanzate dell’avversario.                                                                                                                           Difficile il lavoro dei giudici che alla fine, dopo alcuni minuti di consultazione tra loro, faranno pendere l’ago della bilancia dalla nostra parte decretando Michele come vincitore.

Ultimo match della giornata ed esordio anche per il nostro Orso AVENALI che, non avendo avversari nella categoria -85 kg e mostrando grande spirito sportivo, accetta  di confrontarsi sul ring con un avversario più pesante di dieci kg, una decina di match alle spalle ed un imminente  esordio nel contatto pieno.
Nonostante tutto il nostro Orso sale sul ring  con il passo giusto senza farsi minimamente intimidire dalla stazza dell’avversario. Molti scambi di tecniche di pugno da parte dei due atleti e alcuni momenti di clinch nella prima ripresa che si è comunque svolta con un ritmo molto alto tanto da far boccheggiare i due atleti nel recupero.
Seconda ripresa più vivace dove il nostro orso ha usato tutte le energie rimaste per portare continui attacchi al suo avversario mettendolo più volte in difficoltà e chiudendo con vari colpi di ginocchio che, in più occasioni, finiscono precisi nell’addome avversario. Da notare un pregevole superman punch a metà ripresa che colpisce in pieno il volto dell’avversario.
Nonostante tutto la terna di giudici assegna la vittoria all'altro atleta. Verdetto che lascia perplesso il pubblico e un po’ di amaro in bocca, ma che il nostro atleta accetta con molta sportività. Visto  il coraggio di affrontare un gigante di 95 kg, la sportività e quello che ha mostrato sul ring, il vincitore, per noi, è indiscutibilmente il nostro orso.

Cristiano GALLETTI premia il vincitore di un match di Muay Thai full rules

I video li potete trovare sul nostro canaleIl Fight Team Roma su YOUTUBE

Un ringraziamento doveroso a tutti gli istruttori FTR che hanno contribuito con il loro apporto alla riuscita di questa prima kermesse sportiva made by FIGHT TEAM ROMA.

Grazie.

Torna su

.................................................................................................

Stage Petrosyan - Romanut
19.02.2011 - San Marino

Sabato 19 febbraio ho avuto il piacere di passare una giornata emozionante  in compagnia della mia ragazza nella Repubblica di San Marino. A soli 400 km circa da Roma ho partecipato allo stage di thai boxe tenuto dal  campione del mondo in carica GIORGIO PETROSYAN vincitore dei 2 ultimi k-1 max a Tokyo!
Posso dire che l'esperienza da me voluta e sognata ha soddisfatto la mia voglia di partecipare a questo evento.
L'organizzazione  è stata perfetta. Prenotazione on line o telefonica, immediato invio dei codici  via e-mail per ritirare il biglietto a noi assegnato.
Ci dicono di passare al negozio a ritirarli appena arrivati (ottima occasione per l'innaugurazione dello store con ottima pubblicità).

Ore 17  vado all'evento.

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Un centro sportivo a dir poco eccellente.
Numeroso l'afflusso di partecipanti al corso atleti avanzati che comincia in orario perfetto alle 17:30.

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Giorgio Petrosyan, Armen Petrosyan e Alfio Romanut ci salutano con l'inchino stile thai... si comincia!
La tensione generale è palpabile, il gruppo di atleti si allontana dal trio delle meraviglie come fanno i novelli alla prima lezione in un corso...e io mi piazzo davanti a tutti al centro del buco lasciato dagli altri, di fronte a Giorgio Petrosyan "il chirurgo".Naturalmente con la maglia dell FTR ben in vista!

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Un riscaldamento sofferto per via della costola incrinata rimediata in allenamento ma non mollo.....lo voglio a tutti i costi!
Alfio Giorgio e Armen ci mostrano esecuzioni di tecniche semplici ma molto efficaci, spaziando dai fondamentali alle parate avanbracci e tibie sui colpi di calcio, agli spostamenti e  colpi d'incontro o di rimessa....

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

La cosa sorpendente non  è stata la novità delle tecniche mostrate,  che gia fanno parte del mio bagaglio sportivo ben insegnato dai miei docenti FTR, ma la ESEMPLARE ESECUZIONE con il quale le mostravano.
Giorgio ha una tecnica sopraffina...tale e quale a quella che vediamo nei suoi macht in tv..il soprannome che porta è cucito addosso a lui! Esegue una shadow boxe  a mio parere splendida... composta, elegante e potente allo stesso momento.

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Ho visto delle persone gioviali che amano praticare questo sport ed insegnarlo agli altri con i quali alla fine dell'allenamento ci siamo fermati a parlare seduti in tondo scambiando anche battute e consigli vari.

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Alle  ore 20 ormai stanchissimi, tutti in gruppo per le foto con i tre mentori della Satori Team Gorizia, stanchi  anche loro dopo ben 9 ore di corsi quasi consecutive, per le tanto sperate foto ricordo. E tutti a casa.

Pensavo fosse finito tutto li...in sole tre ore... La mattina seguente mi alzo e scendo a fare colazione in hotel...al tavolo di fianco chi ti trovo? I fratelli Petrosyan e Romanut, che si ricorda di me per via della maglietta che indossavo!!!!!!SPETTACOLO PURO FTR...

Marco CIPRIANI allo stage di Petrosya-Romanut: 19 febraio 2011 - San Marino

Mi faccio una chiacchierata di quasi un ora con loro...devo dire che ho trovato delle persone cordiali e alla mano.
Gia avevo incontrato i Petrosyan a Roma e sembrano ragazzi timidi di poche parole e tanti sorrisi...Alfio  una persona molto simpatica. Salgo in ascensore con loro e ci salutiamo li.
Altri 400 km e torno a casa....sono soddisfatto!

Una bella esperienza che conferma che Giorgio e Armen sono dei campioni dentro e fuori dal ring, ma soprattutto che il team di cui faccio parte ha tutte le carte in regola per sfornare campioni che potranno fare strada in questo sport meraviglioso.

FTR inside!

Cipriani Marco.

Torna su

.................................................................................................

Campionato Regionale K.L. / ONESONGCHAI ITALY
21.11.2010 - Fabrica di Roma (VT)

 

Il giorno 21 novembre 2010 si sono svolti presso il palazzetto di Fabrica di Roma i campionati regionali KL-ONESONGCHAI ITALY: il bilancio del Fight Team Roma alla fine di questa seconda kermesse di gare (susseguente quella di Velletri) è da far accapponare la pelle, con ben 17 vittorie su 18 gare.
Nello specifico in questi regionali riportiamo su sette atleti sei ori ed un argento, con decisione non unanime nell'extra round.
Quando si dice che il lavoro premia.... ;-)

Il primo a rompere il ghiaccio è Leonardo "Minilui" Parisi, thai light -70 kg. Rispetto a Velletri Leonardino parte forte e senza remore, schermisce bene e propone ottime tecniche di gomito e sbilanciamenti nel clinch. Si aggiudica la finale senza problemi e porta alla Scuola il primo oro FTR.

Leonardo Parisi campione regionale 2010 Onesongchai Italy

Grzegorz "Ivan Drago" Wolosinsky oramai non sa far altro che vincere. La sua categoria K-1 light -75 è piena di avversari e ci vogliono ben quattro match per consegnare all'FTR il secondo oro. Splendido Greg in tutti i match: nonostante molte ed ingiustificate penalità sciorina prestazioni super con una grande varietà di colpi ed ottima tecnica. Memorabile la finale vinta senza quasi reggersi in piedi.......super GREG e meritatissimo primo posto.

Grzegorz Wolosinsky campione regionale 2010 Kombat League

Il match successivo prevedeva l’esordio nella muay thai light del nostro Federico Caruso che, nonostante fosse al suo primo match e avesse all’angolo opposto un avversario non nuovo in ambito agonistico, riusciva a mantenere una concentrazione invidiabile. A favore di Federico entrambe le riprese, nelle quali si esibiva in cambi di ritmo notevoli ma, soprattutto, dominava nelle tecniche di lotta in clinch, punto di forza dell’avversario.
Complimenti e primo titolo per il nostro Federico !!!

Successivamente saliva sul quadrato di gara il nostro Guido Gabrielli. Partenza lenta per il nostro atleta che nella prima metà della prima ripresa si limitava a controllare gli attacchi dell'avversario tirando al di sotto delle sue capacità. Il match cambia dopo il primo minuto, Guido focalizza le giuste distanze e rubando il tempo all'avversario porta a suo favore il punteggio. Unanimità dei giudici anche nella seconda ripresa dove Guido si scioglieva riuscendo a dare il meglio di se con eccellenti combinazioni di rimessa e ottimo clinch attivo completo di tecniche di ginocchio, gomito e sbilanciamenti. Un altro campione regionale in casa FTR.

Guido Gabrielli campione regionale 2010 Onesongchai Italy

Simone "Brown" Marrone esordisce nel K-1 Rules contatto pieno. "Brown" si e' preparato per questo dal 1° settembre senza mai mancare un allenamento. Finale diretta in una categoria dove il peso dei contendenti non lascia appello, quella dei -82 kg..
C'è molta emozione all'angolo ma siamo sicuri del duro lavoro svolto in palestra. Il suo avvesario comincia con attacchi di gambe ripetuti, lasciando vedere i trascorsi nel taekwondo (di cui scopriamo essere stato campione europeo... ;-) ), ma Simone non si lascia intimorire e sfoggiando con sfrontatezza il suo sorriso migliore, degno dei più grandi campioni tailandesi, risponde colpo su colpo mettendo spesso all'angolo l'avversario. Tuttavia non riesce ancora ad essere determinante poiché, per eccesso di foga, sbaglia le distanze dei colpi e si dimentica di chiudere l'azione con le gambe.

Simone Marrone campione regionale 2010 Kombat League
Opportunamente caricato durante il minuto di recupero, Brown affronta la seconda ripresa in maniera più determinata e piazza autentici missili terra-aria con tutta la potenza di cui è dotato, costringendo il suo avversario a gettare la spugna dopo una serie di middle-kick andati a segno. Simone porta a casa un altro oro FTR. Decisamente buona la prima "Brown".

Simone Marrone campione regionale 2010 Kombat League

Daniele "ST Pierre Rush" Tassile con pochissimi allenamenti, causa lavoro, decide ugualmente di mettersi in gioco e si presenta a questi regionali nella categoria -77 K-1 light. Si aggiudica senza problemi il primo incontro e vola in finale. Qui purtroppo paga i pochi allenamenti fatti: regala praticamente all'avversario la prima ripresa beccandosi due "discutibili" penalità, nella seconda cambia marcia e disintegra l'avversario infliggendogli un parziale umiliante in fatto di colpi. Il verdetto, con decisione non unanime, non gli arride. Comunque è argento ed onore al nostro ultratrentenne "rush" danielone.

Capitolo a parte per Luca "Mafietta" Alessi. Il nostro gioiellino è buttato a forza nel K-1 light -57, dopo che gli era crollato il mondo addosso a causa della bocciatura, senza una chiara motivazione, all'elettroencefalogramma, esame necessario per poter affrontare i match nel contatto pieno. Esame che verrà poi ripetuto risultando IDONEO per il KO.
Dalla dirigenza FTR gli viene comunque ordinato di partecipare ai regionali light: il contatto con il pubblico, in un palcoscenico importante per la KL anche se a contatto leggero, è quello che ci vuole ora.
Sbriga senza problemi la semifinale e si presenta alla finale carico come una molla ma trova un avversario veramente ostico. Si becca una lunga serie di penalità che gli impongono gli straordinari dell'extra round. E qui cambia decisamente marcia: affronta l'extra round senza un attimo di sosta costringendo il suo avversario alla sola difesa demolendolo psicologicamente con ogni tipo di tecnica conosciuta. Un marziano!! In un minuto demolisce il suo avversario con, abbiamo contato all'angolo, 100 punti di distacco. Oro senza discussione e tutti a casa.

Luca Alessi campione regionale 2010 Kombat League

Finisce qui questa lunga maratona laziale (9:00-19:00) ma per tutti noi è solo l'inizio. Ora ci aspettano gli ITALIANI.

 

I Maestri all'angolo

 

Torna su

.................................................................................................

Muay Thai e Difesa Personale: un connubio vincente!
14.11.2010 - Fiano Romano (RM)

 

La passione per le discipline da combattimento, la stima professionale e una profonda amicizia sono gli elementi che legano il Maestro Romano Zozzi, fondatore della “Asd Golden Dragon” e i Maestri Cristiano Galletti e Steve Buffoni, fondatori della “Asd Fight Team Roma”.

Passione, stima ed amicizia che si concretizzano attraverso una vera e propria missione: promuovere e sostenere le attività che permettano la divulgazione dell’arte della Muay Thai e delle tecniche di Difesa Personale con professionalità e qualità nella regione Lazio.

Forti di riconoscimenti istituzionali, il Master Galletti e il Master Buffoni sono responsabili regionali della “Onesongchai Italy KL” e il Master Romano Zozzi è responsabile nazionale delle Arti Marziali della Kombat League, ma soprattutto di riconoscimenti sul “campo” di cui ne sono testimonianza le numerose vittorie riportate dagli atleti FTR e Golden Dragon, le normali attività legate agli allenamenti vengono coadiuvate da Stage specifici atti a integrare e potenziare la formazione di tutti gli atleti interessati a perfezionare la loro tecnica.
Con questo scopo, il 14 novembre 2010 a Fiano Romano (RM), si è svolto il primo Stage interstile di Muay Thai e Difesa Personale sotto l’egida della Kombat League.

La risposta degli atleti è stata ottima. Oltre 60 atleti presenti, desiderosi di approfondire le diverse discipline di arti marziali nella splendida cornice del nuovissimo Palazzetto Sportivo di Fiano.

Panoramica dalle tribune del Palazzetto dello Sport di Fiano Romano (RM)

Fase di preatletismo specifico della muay thai

Lo stage, che è iniziato con un riscaldamento di 30 minuti circa, si è poi suddiviso in 90 minuti di corso di Muay thai e 90 minuti di corso di Difesa Personale, in un clima di amichevole disciplina e di assoluta disponibilità data da tutti e tre gli insegnanti a tutti gli stagisti che aspiravano ad approfondire e migliorare la loro tecnica.

I maestri Cristiano Galletti e Steve Buffoni spiegano la presa nel clinch

Il maestro Romano Zozzi simula un attacco di coltello.

Il maestro Romano Zozzi spiega una tecnica di disarmo da pistola.

Il feedback positivo e le innumerevoli richieste, gratifica e motiva i responsabili tanto da pensare di organizzare altri incontri, se possibile, a cadenza bimestrale.

Ma di questo daremo notizie ufficiali prossimamente sul web. 

Si ringrazia della stima e della fattiva collaborazione i docenti intervenuti: Berti Francesco, Cimei Gianluca, Conti Federico, Delle Fratte Massimo, Luttazi Roberto, Miano Massimiliano, Montagnani Barbara, Palazzi Daniele, Rubini Giorgio, Stirpe Tito e tutti gli atleti presenti con cui si è instaurato un ottimo feeling.

La foto di gruppo a fine stage

Torna su

.................................................................................................

Galà dilettanti nel Lazio
31.10.2010 - Velletri (RM)

 

Stagione nuova... stesso copione! :-)

Il 31 ottobre 2010 presso la palestra Accademia del m° Patrizio Maggiori si è svolto un galà dilettanti di Sport da combattimento. Primo appuntamento ufficiale della stagione agonistica per il Fight Team Roma. La squadra nera-rosso-bianca schierava Greg Wolosinsky (73,5 Kg), Simone Marrone (82 Kg) e Daniele Tassile (77 Kg) nel K-1 Light, Guido Gabrielli (66,500 Kg) e Leonardo Parisi (69 Kg) nella Muay Thai Light.

Il primo a salire sul ring, esordendo nella amata disciplina della muay thai, Guido Gabrielli, allenato dagli Istruttori Federico Conti e Tito Stirpe. Il nostro atleta vinceva meritatamente tutte e due le riprese sfoderando una prestazione ordinata e varia nei colpi, assestando splendidi kao al corpo da ogni angolazione. Applausi meritati del pubblico.

Greg era il secondo del team a fare il suo match. Ottima prestazione e complimenti da parte di tutti per quella che è stata sotto il profilo tecnico la performance migliore della giornata. Vittoria per lui.

Simone Marrone era il terzo ad entrare sul quadrato di gara ma non si esprimeva ai suoi livelli. Ha fatto un match molto contratto e a volte fuori misura, specialmente nel primo round. Nel secondo si scioglieva un po' di più ma sempre al di sotto delle sue potenzialità. Troppi colpi sporadici, specialmente un teep gamba dietro che per poco non mandava al tappeto il suo avversario. Terza vittoria comunque per noi.

Leonardo Parisi portava a casa la quarta vittoria, dopo un extra round, riuscendo ad avere la meglio su di un avversario molto coriaceo. Prestazione comunque buona per Leo, soprattutto per la capacità di ascoltare l'angolo portando a segno tecniche saltate di gomito e pugno.

Completa l'ein plein della giornata Daniele "the Rush" Tassile che al suo terzo incontro a 37 anni si guadagna una bella vittoria, anche se per lui vale lo stesso discorso di Simone di luci ed ombre. Buone reazioni agli attacchi avversari e (quando le faceva) belle tecniche calci e pugni. A lui la parziale attenuante di non aver mai svolto quest'anno sessioni di sparring e scarsa continuità negli allenamenti.

Complimenti a tutti e sotto con gli allenamenti che il prossimo appuntamento è già alle porte.

team FTR al galà di Velletri. 31 ottobre 2010

team FTR al galà di Velletri. 31 ottobre 2010

Bilancio finale:
3 vittorie su 3 nel K-1 LIGHT;
2 vittorie su 2 nella MUAY THAI LIGHT.

La bacheca FTR si arricchisce.


Torna su

.................................................................................................

Steve BUFFONI e Cristiano GALLETTI responsabili regione Lazio della FMTI/ONESONGCHAI ITALY

Nella tarda serata di giovedì 14 ottobre si è svolta a Fiano Romano (RM), in casa dell’amico Romano Zozzi, responsabile Italia Arti Marziali KL, una riunione tra i vertici federali Kombat League, Max Baggio e Emiliano Lanci e i fondatori del Fight Team Roma, Steve Buffoni e Cristiano Galletti.

All’ordine del giorno c’è stata l’ufficializzazione della nostra carica di responsabili Regione Lazio della FMTI/ONESONGCHAI ITALY (neonata federazione di muay thai) e la presentazione del programma operativo per la muay thai nel Lazio.
L’intento principale è quello di mettere la nostra pluriennale esperienza nel settore a disposizione della FMTI Lazio ponendo le basi per un progetto a lungo termine coeso allo sviluppo e alla promozione della muay thai a livello dilettantistico.

Un progetto che inizia con la stesura di un nuovo regolamento sportivo per la muay thai light contact full rules (a breve il suo inserimento sul sito ufficiale) e che coinvolgerà importanti scuole del Lazio che, come noi, amano questo magnifico sport e con cui nel corso degli anni abbiamo instaurato una stima e un’amicizia reciproca.
La Kombat League, dunque, oltre a rappresentare il top nel professionismo in Italia, riuscirà a confermarsi anche Leader nel dilettantismo.

Presto sul sito ufficializzeremo le prime novità.

La stima e l'amicizia che ci lega a Max, Emiliano e Romano ha fatto sì che la riunione abbia avuto il suo termine a notte inoltrata.

Baggio, Zozzi, Galletti, Lanci, Buffoni e la neonata FMTI Lazio

 

Torna su

.................................................................................................

Fiori d'arancio al Fight Team Roma.
settembre 2010

Ma è un evento che... "separa"!

Duplice matrimonio in casa FTR che vede come protagonisti da una parte Valentina Piccone e Massimo Gallo (nutrizionista e preparatore fisico FTR) e dall'altra Francesca Galletti (sorella del Presidente FTR) e Massimiliano Catini (allenatore in seconda allievi nazionali calcio as Roma, campioni d'Italia, con cui confrontiamo le preparazioni fisiche dei nostri sport).
E visto che non siamo dotati del dono dell'ubiquità dovevamo per forza di cose dividerci.

E così al matrimonio del GALLO si presentano tirati a lucido gli amici di sempre: il vicepresidente Steve, i docenti FTR Milo e Manuele Raini e diversi atleti del team.

Fiori d'arancio in casa FTR

Al matrimonio di GALLETTI il presidentissimo Cristiano, fratello della
splendida sposa (la somiglianza non si vede affatto), gli allenatori in carica FTR Federico Conti e Massimo Delle Fratte, e l'ex docente (ma ancora amico) Marco Giovinale.....tutti in condizioni pietose!!!!

Fiori d'arancio in casa FTR

A U G U R I S S I M I

 

Ogni tanto momenti di Relax!!

Fiori d'arancio in casa FTR

Steve e Cristiano

Torna su

.................................................................................................

Trainer TORTORA - Viaggio in Thailandia
agosto 2010

GUARDA LE FOTO

Dopo anni di allenamenti e dopo l’atteso conseguimento del diploma di allenatore di Muay Thai, quale miglior ricompensa di un bel viaggio in terra siamese??
Detto fatto… dopo undici ore di volo eccomi a Bangkok, la capitale, dove si trovano due degli stadi, che ospitano incontri di Thai Boxe, più conosciuti al mondo: il Lumpinee Stadium ed il Ratchadamnoen Stadium.
Un vero paradiso per le persone affascinate da questo sport…quindi anche per me!!!
Per motivi di tempo ho potuto vedere solo uno dei due stadi, e capirete bene che ho scelto il Lumpinee…stadio dal quale sono usciti campioni del calibro di Buakaw por Pramuk (tanto per citarne uno)
Dopo aver superato un orda di “bagarini thailandesi” riesco ad arrivare alla biglietteria principale dove, dopo aver pagato 2000 baht (poco meno di 50 euro), mi consegnano il biglietto per l’ingresso a bordo ring. Bèh devo dirvi che assistere a nove match di Muay Thai, al Lumpinee, seduto in prima fila, vale il prezzo del biglietto…
Nove incontri mozzafiato, molti terminati per KO, nei quali gli atleti si scambiavano colpi devastanti senza tregua: gomitate, ginocchiate, clinch interminabili e micidiali middle-kick.
Una particolarità che ho notato è stata quella di vedere pochissimi low-kick durante i match: i thailandesi prediligono i calci in linea media (credo per ridurre il rischio di infortuni).
Dopo circa tre ore di questo spettacolo, stanco ma contento come un bambino, me ne torno in hotel pronto per dirigermi la mattina seguente nella meravigliosa isola di Koh Samui.
In quest’ isola paradisiaca ho avuto la possibilità di potermi allenare ed  apprendere nuove tecniche nel Camp Superpro Samui www.superprosamui.com dove ho preso lezioni individuali,  seguito passo passo dal trainer Mr. Viriya Sripaew aka “Nuch”
Un ex fighter con oltre 150 match al Lumpinee Stadium…
Ho deciso di scegliere questo Camp dopo averne visti altri come il “Pinyo” o il “WMC” perché mi sembrava il più serio ed il più attrezzato, basti pensare che si allenano al Superpro atleti internazionali come Pajonsuk, che ha combattuto nel circuito It’s Show Time in Olanda ed ha partecipato al reality
Enfusion Muay Thai, e che sono passati qui atleti come Ernesto Hoost.
La sera, dopo gli allenamenti, ho assistito a svariati incontri negli stadi di Chaweng e Phetch Buncha…anche qui grande spettacolo, ma atleti di un livello leggermente inferiore a quelli di Bangkok, comunque incontri tosti e tanti KO, qualcuno anche drammatico.
Come tutte le cose belle anche le vacanze finiscono subito, quindi eccomi di nuovo a Roma, anche se con molta nostalgia.
E’ stata veramente un’ esperienza fantastica che consiglio a tutti gli appassionati di Muay Thai: allenarsi nei loro camp, con loro, ed assistere dal vivo a match che da qui possiamo solo vedere su youtube, sono cose che non scorderete mai…
Ed ora tutti in trepidante attesa  della nuova stagione FTR, la numero undici, dove potrò condividere con amici, istruttori ed allievi tutto quello che ho imparato….
Sawasdee khap

Andrea TORTORA

GUARDA LE FOTO

Torna su

.................................................................................................

Esibizione FTR Festa De' Noantri 2010
22.07.2010 - P.zza Trilussa (ROMA)

 

GUARDA LE FOTO

Ah, la Festa De' Noantri!

Uno degli appuntamenti tradizionali dell’estate romana, che si tiene nella splendida cornice del quartiere di Trastevere, splendido quanto caratteristico, esempio vero della Roma profonda e popolare.
Quest’anno, tra processioni, messe, degustazioni, e lo sguardo spaesato dei tanti stranieri che passavano di lì, proprio nel centro di piazza Trilussa, il 22 luglio, c’era un ring.
L’ASD Boxe Trastevere, infatti, coi maestri Daniele Malori e Paolo Ralli, ha organizzato un galà di boxe, e anche l'ASD Fight Team Roma era presente per fornire una doppia esibizione di K-1 Rules e Muay Thai, coi docenti FTR Federico Conti, Roberto Luttazi e Tito Stirpe, e l’atleta Marco Cipriani, reduce da un’altra stagione ricca di risultati.
La serata è cominciata con alcuni match di boxe, con una risposta del pubblico che ha sottolineato quanto importante può essere per gli sport da ring una manifestazione come questa, che avvicini la gente portando i match in cornici solitamente inusuali come le feste popolari, all’aperto, come del resto insegna anche l’esperienza tailandese, tanto per dirne una, dove anche gli appuntamenti più “seri”, come il compleanno del Re o della Regina, hanno manifestazioni simili, con tornei e galà in una cornice di pubblico più ampia di quanto può essere un palazzetto. In questo modo si riesce ad avvicinare anche il pubblico “casuale”, quello che esce la sera, si trova davanti a dei match, e ne rimane affascinato.

Dopo il pugilato è stato il momento dell’esibizione di K-1 Rules, portata sul ring trasteverino dai preparati istruttori Roberto Luttazi e Tito Stirpe, con un round che ha ben illustrato le caratteristiche dello sport, sotto gli sguardi del pubblico che dopo un iniziale spiazzamento dovuto alla diversità con uno sport più conosciuto come la boxe che lo aveva preceduto, si è presto lasciato andare alla curiosità, osservando attentamente i movimenti degli atleti e le tecniche portate con un’attenzione degna di giudici di gara. Un giusto applauso ha accolto i docenti alla fine del round, ricompensandoli per gli sforzi profusi.

Subito dopo è stato il momento per Federico Conti e Marco Cipriani di salire sul ring per offrire al pubblico un assaggio di una disciplina più tradizionale, legata a filo doppio alla millenaria cultura siamese, e alla religione buddista, com’è la Muay Thai, o “tecnica thai”, letteralmente. La ritualità dei gesti, dall’ingresso sul ring, alla fine del match, e mille altri dettagli sconosciuti al pubblico, come il significato del mongkon e dei prajead, tendono sempre a confondere l’osservatore meno informato,  per cui portare in una piazza popolare questa disciplina sembrava sicuramente sulla carta la scommessa più azzardata.
L' FTR, e i suoi due rappresentanti sul ring di piazza Trilussa hanno però vinto la scommessa, dall’esecuzione della Wai Kru prima e della Ram Muay dopo, alla spettacolare esibizione che non ha risparmiato tecniche di alto livello della Muay Boran, come la Hak Ngaung Aiyara, resa famosa nel film Beautiful Boxer, o la ru-see bod ya, un tipo di gomitata saltata, o tante altre che per motivi di spazio non andrò qui a elencare.
Anche qui l’entusiastica risposta del folto pubblico, gli applausi, e gli sguardi rapiti e attenti di molti spettatori, anche di insospettabili ragazze del pubblico, senza alcuna esperienza, ma affascinate dall’eleganza e dall’efficacia che traspare dalle tecniche di questa disciplina, hanno sancito sicuramente il successo di questa manifestazione, e degli sforzi profusi dal Fight Team Roma.
Un arrivederci a settembre, con la nuova stagione dell' FTR e, perché no, ce lo auguriamo senz’altro, con quelli del pubblico che vogliano cominciare l’esperienza della Muay Thai e del K-1 Rules sotto la guida attenta dei nostri istruttori.

Luca ZINICOLA

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Assoluti K.L. 2010
28.03.2010 - Porto Potenza Picena (AN)

 

GUARDA LE FOTO

Il 28 marzo tutti i qualificati del Fight Team Roma, hanno partecipato a questo importante evento KL.
Abbiamo avuto le defezioni dei nostri campioni regionali Simone Marrone ed Ivan Goran Trivic, ma la squadra era di tutto rispetto per fa sì che anche gli Assoluti Italiani si trasformassero in un tripudio come i Regionali e il Centro-Sud.

Il primo a combattere era Mauro Forte, senza avversari nei -57 Kg Muay Thai Light,  veniva inserito nella categoria -60. La semifinale vedeva opposto il nostro pluridecorato Mauretto contro un avversario molto scorbutico, più pesante di lui e molto falloso. Ne scaturiva un match non molto tecnico ma che il nostro atleta vinceva senza appello. Mauro usciva molto contrariato dal tatami pensando di non essersi espresso ai livelli a lui congeniali.
La finale con un avversario ben più tecnico era la prova che Mauretto è dotato di tecnica superiore. il match è molto bello ed avvincente e lui lo vince in virtù di una scherma superiore, grande ritmo e colpi di grande spettacolarità come gomitate avvitate e ginocchiate saltate, sempre a bersaglio.
Queste performance hanno fatto sì che la giuria lo votasse come miglior atleta nella Muay thai Light fregiandolo di una stupenda cintura.

Sempre nella muay thai era il turno di Marco Cipriani. Il nostro atleta
della Vigor Sporting Center è in continua ascesa e ormai i match Light, per la tenuta dell'incontro, sembrano una formalità.
E' talmente lucido, in semifinale ed in finale, che supera con facilità sia avversari tecnici sia quelli più rissosi (che purtroppo la sua categoria di peso spesso annovera).
Si mette in luce nella finale con ben 5 Back Fist tutti a segno; il primo è talmente tecnico e preciso che fa barcollare il suo avversario, condizionandone il rendimento fino alla fine della terza ripresa che sancisce la vittoria di Marcone ed il suo ennesimo TITOLO ITALIANO.

Nel K-1 Light -57 Luca Alessi, va subito in finale contro un avversario coriaceo. Il nostro Luchetto stavolta impone un ritmo infernale per tutto l'incontro e, quando ha convinzione ed usa la testa, nel light diventa una macchinetta da guerra. Vince alla grande e porta il terzo TITOLO ITALIANO. L'arbitro dell'incontro, decretata la vittoria, viene all'angolo prima della premiazione complimentandosi per la pregevole tecnica del nostro Luca.

E' la volta di Grzegorz "Greg" Wolosinski nei -70 kg. che lo vede inserito in un girone con oltre 8 atleti. Pate dai quarti ma questa volta entra sul tatami non molto convinto delle sue possibilità. Il match lo vede opposto ad un combattente abbastanza tecnico ma molto rozzo nelle combinazioni. Greg lo supera tecnicamente, ma viene spesso richiamato dall'arbitro per eccesso di contatto. Vince nettamente nonostante un punto di penalizzazione ma i richiami subiti ne condizioneranno il proseguimento. Vola dunque in semifinale e trova un avversario (probabilmente con un back ground di savate) che lo incalza con colpi di piede frustati che inanellano molti punti. Sia chiaro non è che fosse granchè (tutt'altro) ma il nostro Greg in questa giornata non è lucido e non riesce ad esprimersi secondo le sue possibiltà. Non da mai una sferzata all'incontro e finisce per perderlo. Peccato! Dai Greg sarà per la prossima volta.

Ben al di sotto delle loro possibilità tirano anche Daniele Tassile ( fa sfoggio della sua tecnica solo a singhiozzo ma non basta) e Alessandro Cipriani che continua nella sua serie nera di sconfitte (il ragazzo ha buone doti e può crescere molto: ti stiamo aspettando!).

E alla fine, come gran finale, arriva il turno di Massimo "punzecchia" Sabeddu nel K-1 Rules -60. Il nostro atleta è in serie positiva da tempo e questo è il suo anno: probabilmente il fidanzamento gli ha dato nuovo vigore, in allenamento ha una marcia in più.
Nella finale ha di fronte un avversario tecnico e grintoso che in semifinale ha vinto di prepotenza. Il match inizia subito con scambi molto vigorosi dove le tecniche si susseguono senza sosta: è un botta e risposta continuo.
Nella seconda ripresa avviene la svolta per il nostro atleta. Una combinazione di braccia fa vacillare Massimo, il suo avversario prende fiducia e cerca di chiudere anzitempo la gara, ma qui Sabeddu sfoggia la sua tattica migliore. Quando sembra essere al limite del ko, contrattacca di braccia centrando il suo avversario in pieno viso con un mostruoso diretto braccio dietro (in questo match a differenza degli open si è ricordato di averlo) facendogli subire un primo conteggio. Il suo avversario viene travolto dal "missile" vicino le corde e si ritrova seduto a centro ring. Si alza alla fine del conteggio ma è visibilmente impaurito. Max lo tempesta di colpi e con intelligenza inanella una miriade di punti.
Nella terza ed ultima ripresa Sabeddu gestisce la veemenza del forte avversario conquistando meritatamente ai punti il Titolo di Campione d'Italia. Complimentoni a Max veramente un grande guerriero.

Bilancio finale:
1 TITOLO ITALIANO K-1 RULES -60;
2 TITOLI ITALIANI MUAY THAI LIGHT;
1 TITOLO ITALIANO K-1 LIGHT.

La bacheca FTR si arricchisce.

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Selezioni Centro-Sud K.L.
07.03.2010 - Monterotondo (RM)

GUARDA LE FOTO

Ennesima domenica di sport per il team FTR con le selezioni Centro-Sud KL presso il palazzetto di Monterotondo e tripudio di vittorie per i nostri atleti. Ecco il dettaglio:

Luca Alessi vs Mauro Forte (K-1 Light juniores -57). Finale derby tra i nostri intrepidi baby-fighters Mauro Forte e Luca Alessi; si ripropone la sfida entusiasmante vista a Frosinone nella finale dei regionali dove si impose Alessi.
Questa volta i nostri piccoli guerrieri pregiano il pubblico con uno spettacolare match molto intenso che vede arridere la vittoria a Mauretto in virtù di un approccio migliore al match. Luca subisce il ritmo fluido di Forte che guadagna il centro ring da subito, mentre Luca non riesce ad esprimersi come sa fare per un nervosismo continuo che lo porta a reiterate proteste nei confronti dell'arbitro, che interrompe spesso la sfida per eccesso di contatto. E meno male che si allenano insieme.

Mauro Forte (Muay Thai Light Juniores -57). Mauretto mette in bacheca FTR l'ennesimo titolo nella disciplina regina, muay thai full rules, imponendosi senza appello sia in semifinale ma soprattutto in finale con distacchi siderali verso gli avversari. Sciorina tutti i colpi gambe, braccia, gomiti e ginocchia, non soffre mai nel clinch e nella media distanza picchia come un frullatore.
Da segnalare in finale il ridicolo angolo dei nostri avversari che, nella persona del Coach (ci dicono sia di Pescara), invitava Mauretto (16 anni) a vedersela con lui (buon per lui che non sia successo). Invitato da Steve a non latrare per il resto del match, alla lettura dei cartellini mostrava il lato B (per noi è stato difficile distinguerlo dal lato A) con atteggiamenti denigratori nei confronti del verdetto (pare sia incline a queste buffonate). Ci domandiamo chiaramente quali valori si possono insegnare in questo modo. Mah! Comunque l'avversario di Mauro veniva a salutarci all'angolo dimostrando che anche nel deserto nascono le rose.

Nicola Palazzo (K-1 Light senior -70). Esordio anche per il nostro veterano laziale che finalmente decide di confrontarsi in gare ufficiali e lo fa nel migliore dei modi. Probabilmente ha l'avversario più forte. Per tutta la settimana pre-match ha sempre avuto un atteggiamento guascone e di grande tranquillità ma, nel giorno della manifestazione, è invece "stranamente" contratto e tirato. ;-)
E' quello che paventavamo per lui, che ha orizzonti di gare a contatto pieno, ma prima doveva dimostrarci di ben comportarsi davanti al pubblico e queste senzazioni, a lui nuove, doveva assaporarle.
Il match è durissimo fin dai primi scambi: Nicola dimostra la giusta cattiveria e reattività, ottimi presupposti per una fulgida carriera. Si impone alla grande per l'immensa soddisfazione sua e del suo angolo. Purtroppo una caviglia nera e una rotula somigliante a una palla da bowling, gli pregiudicano il cammino in questa manifestazione, che sicuramente lo avrebbe visto sicuro protagonista. Grande Nicola

Alessandro Cipriani (K-1 Light senior -70). Terza gara ufficiale per il nostro Alessandro e purtroppo da decretare una sconfitta. L'approccio al match non è dei migliori ma sul quadrato di gara si nota un leggero miglioramento nell'esecuzione delle tecniche di attacco con qualche combinazione braccia-gambe in più rispetto al match di esordio. Paga anche lui lo scotto del noviziato ma soprattutto la poca pratica agonistica in un corso frequentato prevalentemente da atleti novizi. Da seguire con più attenzione.

Massimo Sabeddu (K-1 Rules senior classe C -60). Dal naso rotto alla sfortunata coppa del mondo di Rimini, al riposo forzato ne è passato di tempo. Max inanella match vinti per KO a rotta di collo....e si è pure fidanzato! Ormai è inarrestabile.
Si impone direttamente nella finale (il suo primo avversario ha rinunciato non appena ha visto contro chi doveva combattere) dimenticandosi di avere i diretti, ma con una cattiveria da leone impone il suo ritmo per tutte le riprese e porta a casa una vittoria senza appello. Ottimo Max!

Grzegorz Wolosinski (K-1 Light senior -75). Ormai il nostro Greg riesce ad approcciare il match come fosse un veterano, sempre tranquillo e calmo riece a portare a segno tutte le tecniche che prova e riprova in settimana mostrando a tutti come si combatte nei tornei Light. Vince agevolmente semifinale e finale, mantenendo illibato il suo personalissimo score per i colori FTR. Un esempio.

Daniele Tassile (K-1 Light senior -80). Il nostro trentaseienne Daniele St.Pierre (per la sua grande somiglianza con il campione UFC canadese), decide di lasciare la scrivania e, dopo un anno di FTR, decide di cimentarsi nelle gare ufficiali. Gli impegni profusi negli ultimi mesi ed una buona tecnica sempre in continuo perfezionamento fanno si che ottenga da Noi il nulla osta.
Daniele ha subito la finale nel suo peso, occasione magistrale per unirsi ai suoi (molti) compagni titolari: è la sua prova del nove.
Approccia benino la gara, Daniele è bravo con le gambe ed è dotato di un fisico longilineo che lo facilita. E' un po' contratto e paga lo scotto del noviziato ma reagisce bene ai colpi duri dell'avversario uscendo alla dsistanza con molti colpi di braccia. Vince meritatamente e accede di diritto con foto titolata nella "Hall of fame FTR"!

Marco Cipriani (Muay Thai Light senior -80). Nnella Muay Thai Light -80 ecco sul tatami Marco Cipriani. Grande appassionato di questo sport e fedele discepolo FTR, il nostro Marcone ritorna in una manifestazione sportiva dopo tempo, pur allenandosi in un nuovo corso con tanti novizi. Marco è da noi molto apprezzato ed i miglioramenti sono costanti.
Di rilievo sono la padronanza del quadrato e pregevoli schivate e difese dagli attacchi avversari che gli portano vittorie nette nelle gare di semifinale e finale ed ennesimo titolo in bacheca.

Simone Marrone (K-1 Light senior -90). Il nostro pompiere peso massimo ormai non conosce più battute di arresto, anche lui non conosce sconfitte e dopo aver superato agevolmente la prima gara pensava di aver vinto un nuovo titolo. Invece, per un errore di tabellone, gli viene imposto di combattere la nuova finale.
Simone ha fatto la doccia e si è vestito; di corsa si mette gli shorts e i guantoni e trionfa nell'inaspettata finale. Stavolta tira più contratto del solito facendo molto uso di colpi di braccia e lascia ginocchia e calci negli spogliatoi. Mqa ciò basta e avanza nei cartellini dei giudici per decretarne la vittoria.

Bilancio finale 1 sola sconfitta e bacheca FTR che si arricchisce.

Ed ora tutti alla finale del 28 marzo.

FTR Life Style

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

ITALIAN EXTREME 8
27.02.2010 - Modena
1^ difesa titolo ITA PRO K.L. Manuele RAINI


FOTO & VIDEO DELL'INCONTRO

Sabato 27 febbraio partecipiamo all'evento Italian Extreme 8 di Modena con Manuele Raini alla sua prima difesa della cintura di campione italiano professionisti KL conquistata contro Buccoliero a Roma.
Due anni fa abbiamo gia partecipato a questo magnifico evento all'angolo di Michele Verginelli, vittorioso per ko alla prima ripresa contro Aramis.
Il Palapanini di Modena fa da cornice, insieme ai suoi 2000 spettatori, all'evento ottimamente organizzato dall'amico Emiliano Lanci. Splendido il matchmaking di incontri per palati fini.
L'avversario, aspirante al titolo -70 Kg K-1 Rules è l'atleta di casa David "Zingaro" Chirco.
La prima ripresa vede partire bene il nostro Manuele che prende subito il centro ring. L'andamento iniziale lascia presagire ad un bel match ma alla seconda metà del round avviene il fattaccio: un diretto destro di David coglie impreparato Manuele, centrandolo al mento. Iniziano a cedere le gambe e dopo un successivo colpo cade a terra e subisce il primo conteggio. Manuele si alza quasi subito ma viene investito da altri colpi che di nuovo lo vedono andare a terra per una ginocchiata al mento.
Tutto lascia presagire al peggio, ma il nostro campione raccoglie tutte le sue forze e termina la ripresa in forte stato di shock.
La seconda vede un Chirco ovviamente più determinato che cerca di chiudere il match anzitempo, ma l'offensiva non è mai convinta e Manu riesce a limitare i danni.
Dalla terza in poi il match prende un'altra piega: Manuele esce da torpore e piano piano comincia a mettere a segno le tecniche varie di cui è in possesso, riuscendo a sovvertire l'andamento fino ad allora negativo. Con lo stesso piglio si porta a casa quarta e quinta dove più volte fa vacillare Chirco mancando però il colpo dell'indispensabile ko definitivo. Peccato. Ci è mancato veramente poco per far entrare questa impresa nella storia.
David Chirco diventa così il nuovo campione italiano e Manuele molto sportivamente gli porge la cintura. Pubblico entusiasta dell'incontro fatto veramente da due gladiatori e senza dubbio il più avvincente e tecnico dell'intera serata.
Coraggio Manuele "cuor di Leone" è solo un incidente di percorso.

A presto per la rivincita: il popolo dei marzialisti ha bisogno di queste emozioni!


FOTO & VIDEO DELL'INCONTRO


Torna su

.................................................................................................

Campionato Regionale K.L.
07.02.2010 - Colfelice (FR)

GUARDA LE FOTO

Domenica 7 febbraio si sono svolti i campionati regionali KL 2010.
Appuntamento importante per l' FTR che schierava ben otto allievi: sei nella disciplina K-1 Light (Grzegorz Wolosinski, Alessandro Cipriani, Luca Alessi, Cristiano Mancini, Simone Marrone, Ivan Trivic), Massimo Sabeddu nel K-1 contatto pieno e Mauro Forte nel Muay Thai Light Full Rules.
Quasi un ein plein di titoli per la nostra squadra, ma veniamo ai dettagli.

Luca Alessi: il primo a salire sul ring per il torneo K1L -60 juniores, era all'esordio e iniziava la semifinale molto nervoso per via del ginocchio sinistro visibilmente gonfio a causa di una botta rimediata in allenamento e che lo tormenta da 15 gg.. Il nostro promettente guerriero, guardia destra, tiene il centro del ring per tutto l'incontro, tempestando l'avversario di continue combinazioni che spesso lo costringono alle corde. Vittoria a pieno merito.
La finale lo vedrà opposto a Mauro Forte, campione in carica, chiamato a difendere il titolo in quello che si annuncia un "derby" infuocato. Le nostre giovani promesse sono molto amici, entrambi quindicenni, entrambi sui 57 Kg., entrambi guardia destra, presupposto che meriterebbe un supplemento di prezzo al biglietto.
Mauro ha molti match vinti al suo attivo e vanta gia diversi titoli, ma negli ultimi tempi si è preparato solamente nelle regole Muay thai full rules. Inoltre Luca ha gia rotto il ghiaccio vincendo il suo primo incontro.
Il match non tradisce le attese; i due si fronteggiano con colpi gambe, braccia e ginocchia senza risparmiarsi e senza il benché minimo timore reverenziale. L'arbitro è addirittura costretto più volte ad intervenire per la durezza dei colpi. Non ne  risente comunque la tecnica che eccelle in due riprese da trattenere il fiato. Il verdetto è per un soffio a favore di Luca Alessi che diventa il nuovo campione regionale....Argento per Mauro Forte.......Grande Luchetto adesso guarisci il tuo ginocchio e sotto per i Nazionali.

Grzegorz Wolosinski: ragazzo arrivato in forza all' FTR da settembre, molto educato e socievole con qualche match di sandà all'attivo (con qualche squalifica per eccesso di contatto nei light). Nell' FTR trova la sua dimensione dando il massimo negli allenamenti di tutti i giorni e i frutti non tardano a venire. Alla prova del nove si impone nella semifinale K-1 Light 70 Kg. con un match sublime: sciorina tecnica e freddezza da veterano imponendosi con una nettissima preferenza. Nella finalissima continua con questo trend facendosi apprezzare per i variegati colpi di braccia, semispostamenti laterali e chiusura di gambe-ginocchia. Sontuoso nell'azione e secondo titolo regionale al suo Fight Team Roma.

Ivan Trivic: anche lui sempre continuo negli allenamenti e voglioso di migliorarsi, si presenta sul ring con la prerogativa che lo rende unico: è un atleta che da sempre il massimo nelle gare (in palestra fa sparring a singhiozzo, ma quando si confronta in match ufficiali è impeccabile).
Come negli incontri precedenti il nostro croato inizia il match con un ottimo footwork, freddezza e una vasta gamma di colpi, specialmente di gambe, talvolta molto spettacolari. Si impone con una facilità disarmante e vola in finale.
La gara che lo divide dal suo primo titolo (lo scorso anno si era visto soffiare in semifinale il titolo dal suo compagno di team Lorenzo Paniconi) è stavolta una formalità: si impone prepotentemente dando sfoggio di ripetuti colpi di gambe tenendo costantemente il centro del ring. Diventa finalmente campione e porta il terzo titolo all' FTR.

Alessandro Cipriani: esordio nel K1L per l'atleta della Futurline, portato dal suo coach Fabio Polidori, nella categoria -70 Kg. Alessandro nel primo match se la vede con un avversario di statura inferiore ma decisamente ostico. Visibilmente emozionato subisce l'avversario per gran parte del primo round. Ma nel secondo Alessandro inizia a mettere in atto i consigli dell'angolo e infila una serie di combinazioni braccia gambe e qualche ginocchiata che gli permettono di pareggiare il match. Per i giudici c'è quindi bisogno dell'extra round che va a favore del nostro fighter, nonostante subisce un high kick che ha fatto pensare al peggio. Vittoria dunque e passaggio al secondo turno.
Purtroppo nel secondo match Alessandro entra "nel pallone" e non riesce a mettere in atto i consigli dell'angolo, perdendo tutti e due i round. Peccato. Non male come esordio ma c'è molto da lavorare in palestra. Sarà per la prossima volta.

Cristiano Mancini: esordio per il nostro alfiere nel K1L (Cristiano viene dal wing tsun ma da due anni è nell' FTR) che decide di confrontarsi in un campionato vero, applicandosi quotidianamente più di ogni altro. Affronta la tenzone molto contratto e nervoso: Cristiano è molto tecnico ma solo a sprazzi riesce ad esprimersi; il suo avversario lo colpisce due volte con colpi troppo caricati e nonostante l'arbitro fosse intervenuto, lui va comunque un po' "nel pallone". Stizzito per non riuscire a dare continuità alla sua pur efficace manovra, finisce per perdere l'incontro. Cristiano può dare molto di più ma è entrato in gara troppo contratto pagando solo lo scotto del noviziato. Da domani ci mettiamo sotto e vedrai che la prossima volta dimostrerai tutto il tuo valore.

Mauro Forte: La nostra grande speranza, prossimo al passaggio nelle gare a contatto pieno, dopo il match derby con Alessi, finalmente combatte direttamente in finale nella disciplina che più ama, la Muay Thai full rules (in questo caso Light).
Dopo la squalifica dell'anno scorso per aver messo k.o. il suo avversario con un high kick estremamente preciso, Mauro ritorna in una gara ufficiale: c'è molta attesa per noi. I presupposti non sono dei migliori poichè non ci sono avversari nei -57 Juniores, ma alla fine si trova un avversario di 22 anni che pesa 4-5 Kg. in più che ovviamenta non disdegna pur di tirare.
La differenza di peso si fa notare solamente in parte poichè in nostro
mancino è comunque abituato in palestra a tirare con pesi superiori. Mauro si muove velocemente sul quadrato e rimette colpi su colpi agli attacchi dell'avversrio con una rapidità mostruosa; nella scherma in piedi è imbattibile e quando si va in clinch, dove la differenza di peso risulta più evidente, inanella punti con gomitate simili al più smaliziato dei pugili siamesi.
Vittoriona per Mauretto che porta così il quarto titolo all' FTR.

Massimo Sabeddu: ritorna sul ring per una gara a contatto pieno Massimetto Sabeddu, colui che ci ha portato molti titoli. Le attese per tutti noi erano enormi: non combatte in un match ufficiale dai primi di maggio 2009 (dove aveva perso nella coppa del Mondo fratturandosi il setto nasale) e, per motivi di lavoro, non ha potuto più avere quella continuità negli allenamenti che lo caratterizzava, tranne per quest'ultimo mese in cui si è totalmente dedicato per questa manifestazione.
Massimo inizia male l'incontro e al suono della campana subisce tutta la prima combinazione, con il diretto finale dell'avversario che lo centra in pieno naso. Dall'angolo si teme il peggio, ma questo non fa altro che caricare di più il nostro piccolo guerriero: le tecniche sono un po' confusionarie ma Massimo ha molti assi nella manica. L'avversario è molto duro e coriaceo ed il match assume i connotati della vera battaglia, Sabeddu ha più colpi e dopo una serie di scambi furiosi, allo scadere del match, infila una serie di ganci che causano il Ko in piedi al suo avversario (salvato solo dalla campana). Il verdetto dei giudici vede inspiegabilmente un match pari, per cui si va ad un extra round di un minuto. Ottimamente caricato dall'angolo, Massimo parte come una scheggia chiudendo subito i  conti con un fulmineo Ko.
Grande Massimo, questi sono i match che danno la svolta nella carriera di un fighter. Complimentoni e quinto titolo all' FTR.

Simone Marrone: anche per lui esordio nella categoria massimi -85 kg. K1L. Simone un ragazzo che spicca per dedizione e meticolosità negli allenamenti di tutti i giorno; è un gigante di 1.85 mt ma di soli 21 anni. Molto contratto e nervoso affronta la categoria forse più difficile del matchmaking. E' sì emozionato, ma anche molto voglioso di dimostrare il suo valore. Il nostro mancino inizia la semifinale con grande piglio, dimostra di aver metabolizzato tutti gli insegnamenti settimanali eccellendo per varietà di colpi e movimenti sul quadrato; tiene il centro del ring e vince il suo primo match con verdetto unanime.
La finale continua sulla falsa riga del precedente incontro, ma stavolta gli scambi con il suo avversario ridultano più duri e l'arbitro fatica a tenere il match nei binari del Light. Tuttavia Simone, nonostante la sua mitezza, sembra padroneggiare nella situazione senza alcun timore. Alla fine della seconda ripresa contrattacca di braccia ad un attacco avversario chiudendo l'azione con un rapidissimo middle kick sinistro al fegato che manda il suo avversario al tappeto esamine.
Temiamo la squalifica, ma la giuria ritiene che il calcio sia frutto di un'azione corretta e decreta la vittoria al nostro Simone che ci porta il sesto titolo FTR. Grande Simo!!

Una trasferta INDIMENTICABILE che vede il FIGHT TEAM ROMA ancora una volta protagonista negli sport da ring.

Siamo fieri dei nostri atleti.

FTR Life Style

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

1° CORSO DOCENTI FTR
stagione 2009 - 2010 / Roma

Domenica 10 gennaio 2010 si sono svolti a Roma gli esami conclusivi del “1° Corso Docenti” della asd Fight Team Roma

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010

Il Corso, è stato preparato tenendo conto di un obiettivo di tipo formativo in grado di fornire le competenze didattiche di base e una adeguata preparazione tecnica al fine di potere avviare i futuri docenti FTR alla carriera di insegnante nel modo più efficace possibile.
Il gruppo dei partecipanti ha manifestato una fortissima coesione e una grande impegno, partecipando in maniera incisiva e con costante livello di attenzione durante tutte le ore di lezione.

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010
I dodici aspiranti trainer si sono presentati ai "banchi di scuola" visibilmente tesi e concentrati, desiderosi di ottenere il tanto agognato diploma.
Le due sessioni di esami, una mattutina ed una pomeridiana, prevedevano tredici domande scritte a risposta libera ed un’interrogazione orale di 45 minuti per ciascuno.

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010

L’impegno è stato notevole ma grazie all’attenzione, la volontà e la costanza, tutti i partecipanti sono stati promossi, e per molti di loro, con ottimi livelli di valutazione.

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010

Il desiderio di ampliare l’FTR viene dunque rafforzato anche grazie alla soddisfazione di vedere crescere il gruppo di stagione in stagione.

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010

Il Fight Team Roma ha voluto sancire questo sodalizio donando ai neopromossi  Allenatori una polo personalizzata recante il logo dell’Associazione.

1° Corso Docenti FTR - Stagione 2009/2010

Cerchiamo nuovi proseliti, che credano in questo progetto e che abbiano la volontà di andare avanti sostenuti dalla speranza che nuovi campioni possano tenere alta la bandiera del Fight Team Roma.

1° CORSO DOCENTI FTR - TRAINER

CONTI FEDERICO
COLOCCI GIUSEPPE
DELLE FRATTE MASSIMO
GIOVINALE MARCO
LUTTAZI ROBERTO
ONOFRI CLAUDIO
RAINI MILO
RAINI MANUELE
SILVI JACOPO
STIRPE TITO
TORTORA ANDREA
ZINICOLA LUCA

Kombat League


GUARDA L'ALBO FTR


Torna su

.................................................................................................

MANUELE RAINI campione italiano professionisti K.L.
19.12.2009 - Roma

Sabato 19 dicembre Manuele Raini vince a Roma contro l’atleta pugliese Gianluca Buccoliero e conquista il prestigioso titolo italiano.

Di: Ufficio Stampa Fight Team Roma

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat LeagueIn casa Fight Team Roma c’è grande entusiasmo per la conquista del Titolo Italiano Pro di Manuele Raini, atleta allenato dai maestri Steve Buffoni e Cristiano Galletti nella palestra “Golden Power 2001” (Roma - via Scarperia 42), dove lo stesso Manuele ha appena aperto un corso pomeridiano insieme al fratello Milo Raini.

Sabato 19 dicembre, il comitato regione Lazio della Kombat League, ha organizzato un grande evento di sport da combattimento, che ha visto come match clou l’incontro di K-1 Rules 5x3’ Manuele Raini vs Gianluca Buccoliero, categoria -70 kg.. Per l’atleta romano si tratta del secondo tentativo di conquistare il titolo tricolore dopo il verdetto di “no contest” ottenuto nel match di Pordenone contro Elia Filippini per ferita alla fronte.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League
Il match, a dispetto della logica, partiva subito con un ritmo elevato, evidenziando stili completamente differenti tra i due contendenti: Buccoliero, chiuso e piantato in perfetto stile thai (viene da galà in terra siamese) e Raini, più mobile con continui cambi di ritmo, frutto di un moderno K-1.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Il tema dell’incontro vede Buccoliero cercare di chiudere la distanza nel tentativo di mettere a segno le potenti ginocchiate, riuscendo ad anticipare sempre il colpo di ginocchia ogni volta che i contendenti entravano in clinch. Discorso inverso, invece, quando lo scambio di colpi avviene alla lunga e media distanza: Manuele prevale pugilisticamente con concatenamenti braccia-gambe per palati fini. I punti riempiono i cartellini dei giudici, sia quando Raini attacca per primo, sia quando risponde all’attacco avversario incrociando i colpi con pregevole scelta di tempo nelle uscite laterali.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Primo brivido durante la seconda ripresa quando l’arbitro De Santis ferma momentaneamente l’incontro per controllare la fuoriuscita di sangue dalla testa di Manuele. L’intero angolo è con il fiato sospeso a causa dei “fantasmi” del match precedente, valevole per la conquista del medesimo titolo italiano pro, dove proprio un “no contest” per ferita aveva arrestato l’ascesa al podio del forte atleta romano.
Per fortuna la sorte questa volta non ci è avversa e con un po’ di vasellina il match può andare avanti.

La terza ripresa sembra ricalcare esattamente quanto visto nei precedenti due round ma, mentre l’atleta pugliese con il passare dei minuti sembra perdere lo spunto iniziale, Raini non da alcun segnale di sofferenza. Segno questo di un’ottima preparazione psico-fisica curata in ogni dettaglio durante gli allenamenti in palestra.

La quarta e la quinta ripresa vede dunque il nostro alfiere scrollarsi di dosso gli iniziali timori derivanti dalla gestione del match 5x3’, arrivando ad aumentare il proprio ritmo prendendo sempre il tempo al suo avversario.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Assistiamo così a due riprese in cui Buccoliero viene costantemente anticipato prima da colpi diretti e poi da montanti, con la chiusura di gambe che faceva il resto in perfetto stile FTR. Da segnalare un pregevole “superman punch” di Raini che fa vacillare il suo avversario nel primo minuto della quinta ripresa.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Il match termina quindi ai punti con un verdetto finale decretato all’unanimità che vede Manuele RAINI conquistare l’ambita cintura tricolore diventando CAMPIONE ITALIANO PRO della Kombat League.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Vogliamo fare un plauso a Gianluca Buccoliero, atleta “duro” e grintoso di notevole spessore tecnico che ha dato filo da torcere al nostro atleta.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Intervista a Manuele RAINI

A tu per tu con il campione

Ciao Manuele, innanzitutto complimenti per la conquista del titolo italiano. Ora parlaci un po’ del match: hai avuto situazioni difficili durante l’incontro?
Sì. Diciamo che oltre ad avere davanti un avversario non facile  (ricordo a tutti che Gianluca Buccoliero è l’attuale campione europeo di muay thai IMTE ) che ha impostato quasi tutto il match andando avanti come un carro-armato, ho avuto difficoltà in più occasioni, soprattutto al secondo e al quarto round quando, a causa di una testata involontaria, mi si è aperta dapprima una ferita sulla fronte e poi un'altra sulla nuca. E’ stato difficile andare avanti e non pensare alle ferite.

Hai sempre avuto la sensazione di portare a casa questo successo?
Sinceramente sono partito con la testa giusta; fin da quando mi hanno proposto il match mi sono imposto di pensare solamente alla vittoria. E volere è potere!

E’ la prima volta che trovi un avversario che accetta gli scambi senza timore?
Non ti dico la prima però è stata una delle poche volte che ho trovato difficoltà a tenere il centro del ring. Il mio avversario ha combattuto accettando con decisione gli scambi avanzando continuamente e ha messo a segno delle ottime ginocchiate.

Abbiamo visto una grande boxe, continui cambi di ritmo e un ottimo footwork. Come hai preparato il match?
Ho preparato la parte atletica con mio fratello in modo perfetto e infatti il risultato è stato poter aumentare il ritmo fino alla fine dei cinque round. La parte tattica e la successiva strategia l’ho curata con Cristiano e Steve. Senza svelare alcun segreto posso dire che abbiamo preparato il match tutti insieme alla perfezione.

Manuele RAINI Campione Italiano Pro Kombat League

Ed è stato veramente un bel match. Quali saranno ora i tuoi prossimi impegni?
Prossimi impegni? A dire il vero non lo so, ma posso dire che ho tanta voglia di combattere e di migliorare ancora.

Hai aperto un corso tutto tuo con tuo fratello Milo: qualche considerazione?
Per adesso è una cosa che ci diverte da morire e ci sta dando tante soddisfazioni...siamo innamorati di questo sport e spero che quando avremmo finito entrambi di combattere ci possa essere l’occasione di aprirne altri di corsi. Per ora va benissimo così.

Bene Manuele, ti facciamo tanti auguri per queste festività; vuoi aggiungere qualcosa per chi leggerà questa intervista?
Voglio fare gli auguri di un felice anno nuovo a tutti i lettori e ringraziare tutte le persone che ogni volta mi seguono e vengono a vedermi combattere. GRAZIE

GUARDA LE FOTO


Un ringraziamento a tutti coloro che hanno pubblicamente ospitato il nostro articolo sul proprio sito:

banner 2out.it

banner ilguerriero.it

banner loutavern.it

banner Kombat League

www.megathai.it


Torna su

.................................................................................................

Giulio Lombardo
19.12.2009 - Roma
il report del match

GUARDA LE FOTO


Sabato 19 dicembre, presso il centro sportivo "Cadillac" di Roma, il nostro atleta FTR, Giulio Lombardo, ha combattutto nelle regole del K-1 contro un forte atleta romano del team Cecchetti.

La categoria di peso per questo match è quella dei -63,50 kg. che sembra essere la categoria ottimale per Giulio proprio per la potenza che riesce ad esprimere attraverso la sua struttura fisica.
Sicuri della preparazione fatta in palestra che definirei semplice, ma efficace, saliamo sul ring. Ci viene subito proposto di non usare il caschetto e naturalmente accettiamo.

Prima ripresa:
L'avversario,anch'egli mancino, parte subito forte con combinazioni braccia-gambe e Giulio in questo caso risulta essere molto bravo nello schivare i colpi avversari contrattaccando prontamente con combinazioni di braccia, anche se abbastanza imprecise. Ma le braccia del nostro atleta “si sentono” e se arrivano a segno sono guai per tutti.
Continuando su questa tattica, proprio sul finire della prima ripresa, arriva il gancio destro di Lombardo che spegne le velleità di attacco del suo contendente. Primo conteggio e campanella che consente all’atleta avversario di riprendersi dal colpo subito.

Seconda ripresa:
Questa volta inizia forte Giulio con l'atleta avversario che prova a fermarlo con serie di boxe seguite da front kick ma il nostro alfiere, a metà ripresa riesce piazzare un high kick in pieno volto seguito da una serie di ganci ed è il secondo e definitivo conteggio. Quindi vittoria per k.o. di Giulio Lombardo!!

Come gia visto nei precedenti incontri di Giulio, non sono mancati inutili e pericolosi colpi saltati per le distanze stratosferiche che lo separavano dal suo avversario, nonché low kick singoli molto lenti, ma nel contesto la bravura di Giulio è stata la fame di vittoria e la preparazione fisica, due cose che non debbono mai mancare quando si sale sul ring.

FTR Staff

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

NAZIONALE OPEN KL
25.10.2009 - Civita Castellana (VT)


GUARDA LE FOTO

Domenica 25 ottobre, presso il Palazzetto dello Sport di Civita Castellana (VT), si sono svolti i campionati Italiani Open KL.

Il Fight Team Roma si presentava all'evento schierando (atleti Golden Power) Giulio Lombardo (K-1 Contatto pieno classe C) nel nuovo peso di Kg.63,5, Ivan Trivic all'esordio in una gara (non avendo avversari nel suo peso-67 tirava nella categoria superiore), il campione Italiano Lorenzo Paniconi nella categoria -70 K-1 Light, Mauro Forte nel K-1 Light -55 (dirottato nel K1L in quanto non aveva avversari nella Muay Thai Light, disciplina per cui si era duramente preparato) e all'esordio nel K-1 Light (-60Kg.) Giacomo Biagiotti.
Per la Futurline gli atleti erano: Mirko Capponi e Alessandro Cipriani, entrambi al loro primo match nel K-1 Light.
Per il Vigor Sporting Center l'unico atleta in gara il famigerato Marco Cipriani (anche lui come Mauretto dirottato dalla Muay Thai Light nel K-1 Light per mancanza di avversari).

Entriamo nel vivo della lunga giornata.

Dopo circa un anno dall'ultima gara a contatto pieno, Lombardo si presentava a questo torneo tiratissimo nel fisico, in una categoria di peso inferiore rispetto a quella dei 67 Kg. nella quale si era sempre cimentato. Il primo match riprende il tema di quelli effettuati al Palazzetto di Monterotondo lo scorso anno, ossia il ragazzo tiene il ring in maniera ottimale, pressa l'avversario dall'inizio alla fine, ma sembra dimenticarsi il lavoro settimanale di attacco e contrattacco, scegliendo spesso tecniche poco efficaci, poco convinte e, il più delle volte, fuori misura. Nonostante combatta ben al di sotto delle sue (Tante) capacità, all'extra round porta a casa la vittoria nella semifinale. La finale che segue è sulla stessa traccia di prima: l'avversario, ben più alto di lui, sembra avere la meglio ma è a questo punto, quando sembrerebbe subire, che Giulio forza i colpi e costringe l'avversario a difendersi alle corde, facendo zittire il pubblico di casa. Non riesce, tuttavia, ad essere incisivo proprio nel momento di chiudere il match; con tecniche velleitarie si fa spesso colpire dai sterili colpi dell'avvesario che alla fine segnano punti sui cartellini dei giudici e determinano la sconfitta di Giulio, perchè di questo trattas (come per la finale di Monterotondo si parla di sconfitta e non di vittoria dell'avversario). Peccato dovremmo rivedere certi punti nel lavoro settimanale. Argento per noi.

La categoria più affollata della manifestazione è senza dubbio quella del K-1 -70kg, dove l' FTR si presenta con Alessandro Cipriani, Ivan Trivic e Lorenzo Paniconi.
Partiamo da Trivic, il nostro croato era alla sua prima gara nel K-1L, ha trascorsi nel full contact ed ha dovuto faticare un mondo per perfezionare lo stile da noi richiesto. Era alla prova del nove.
Ivan vince alla grande il primo match, dimostrando una bella tecnica e un'ottima conduzione di gara dimostrando che l'impegno e la dedizione negli allenamenti settimanali da i suoi frutti. Gestisce bene la gara e tiene alto il ritmo sciorinando tecniche braccia e gambe sempre diverse; è molto ricettivo con i consigli dell'angolo.
Sulla scia degli ottavi si impone anche nella gara dei quarti con la medesima conduzione di gara.
In semifinale la sorte avversa mette di fronte Ivan a Lorenzo Paniconi. Lorenzo, forte del suo fresco titolo italiano, affronta il primo match con più tranquillità e si impone bissando anche lui la vittoria nei quarti, stavolta però con un verdetto contestato dall'angolo avversario. Qui, l'impeccabile arbitro Fabio Defedilta, spiegava che Paniconi aveva dimostrato una tecnica migliore dell'avversario e forse, in un match in cui il risultato di parità sarebbe stato più consono, la migliore tecnica del nostro era stata premiata. La semifinale derby con agli angoli gli istruttori Luttazzi e Polidori (i maestri Steve e Cristiano erano all'agolo di Giulio Lombardo che gareggiava in concomitanza sul ring) vedeva il successo di Lorenzo su Ivan al foto finish, dopo un match cavalleresco nel quale però nessuno dei due si è risparmiato.
Proprio per questo Lorenzo riportava un riacutizzarsi di un problema alla caviglia che minava il suo equilibrio nella finale. Troppo piantato sulle gambe, il nostro non riusciva a prendere le misure al suo ben più alto avversario, subendo costantemente l'azione di braccia del suo avversario per tutte e tre le riprese che ne determinano la sconfitta. Secondo argento per noi.

E' ora il turno di Mauro Forte. Il ragazzo strabilia negli sparring settimanali, principalmente incentrati nella muay thai full rules, ma non ci sono avversari per cui si ritrova nella finale diretta -55Kg. K1L. Ovviamente lui non ha problemi di sorta se non il rammarico di non potersi cimentare nella sua vera passione: la muay thai.
Il ragazzo, vogliamo ricordarlo a tutti coloro che nelle manifestazioni accampano scuse di ogni sorta, ha 15 anni compiuti da poco e si allena da 1 anno preciso nell' FTR (prima giocava a pallone) e ha 6 match nel K-1 Light.
La prima ripresa lo vede come al solito surclassare l'avversario. Nella seconda il nostro atleta continua ad amministrare il vantaggio finchè a metà del tempo subisce tre diretti un po' troppo "caricati". Reagisce quindi con la medesima intensità e chiude l'azione con un High Kick gamba dietro d'incontro. Lo sfortunato avversario usciva proprio in quella direzione e veniva centrato sul mento, usciva dal tatami e sbatteva violentemente la testa a terra perdendo i sensi.
A Mauro viene data la sconfitta.

E' ora il turno di Marco Cipriani, che combatte nel K1 LIGHT -80kg. : 2 match in programma per lui, semifinale ed eventuale finale.
L'avversario che incontra in semifinale è più basso di lui, questo avversario adotta una guardia particolare, molto aperto in linea centrale, infatti il primo consiglio del suo angolo è stato di colpire in linea diretta. Durante il match Marco porta a segno molti low kick, ed ogni volta che fa ciò che gli dice l'angolo, va a segno con i diretti. Spreca qualche colpo, provando colpi saltati fini a se stessi, ma l'avversario non lo impensierisce mai più di tanto. Finisce il match con la vittoria di Marco, e scatta la polemica dell'angolo avversario...lamentavano il fatto che Marco aveva tirato troppo forte, ma forse hanno visto un'altro match. Finale con sorpresa! in finale se la deve vedere con un bambino di 14 anni del peso di 80 kg (troppe merendine). Delusione per Marco che voleva sudarsi la coppa, ma con signorilità tranquillizza il bambino (visivamente impaurito) accordandosi per una tranquilla sguantata. Marco Cipriani colleziona così il terzo trofeo di k1 light nei -80kg, ed ora ci si aspetta un passaggio in classe N nel contatto pieno. Primo ORO FTR.

E' ora il turno di Biagiotti, esempio di umiltà educazione e dedizione al lavoro, in pieno stile FTR. Con dei trascorsi nel Full contact e nella Boxe, "Giacomino" cerca la sua collocazione nel K-1, con allenamenti duri passati davanti al sacco ed ai paou ad apprendere le ginocchiate ed i loro segreti. Si presenta sul tatami facendo trasparire un po' di emozione per la gara nel nuovo stile e per il suo nuovo (e definitivo) Team.
Quarti e semifinali superati con verdetto unanime: quello che sembra un ragazzo tranquillo e pacioso, in gara si trasforma, sembra una mitragliatrice di colpi braccia e gambe, è talmente lucido che vuole dimostrare di padroneggiare le ginocchiate, una delle quali in un fase coincitata centra il fegato dell'avversario che gli piega le gambe. La finale segue lo stesso filone, Giacomino incamera punti a ripetizione e stravince senza appello.
Nnon solo ORO per noi ma, addirittura, la coppa quale MIGLIOR FIGHTER della serata, che il nostro atleta dedica ai suoi Maestri. Grande Giacomo...i tuoi insegnanti ringraziano.

Un ringraziamento a tutti coloro che hanno pertecipato, ai loro insegnanti che partecipano attivamente e a tutti i compagni di squadra intervenuti per il giusto e meritato sostegno.

FTR RULES


GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

TITOLO ITALIANO PRO KL MANUELE RAINI
12.09.2009 - Pordenone

In una fantastica serata di muay thai e k-1 rules a Pordenone, purtroppo il titolo italiano pro KL di K-1 rules non è stato assegnato.
La grande sfida Manuele RAINI vs Elia FILIPPINI è stata infatti interrotta nel primo minuto del secondo dei tre round previsti per ferita subita dal nostro atleta.

Primo round che vedeva Manuele costantemente in attacco, costringendo il suo avversario ad indietreggiare nel tentativo di evitare i colpi, cercando a sua volta di rispondere con istintivi colpi singoli.

Secondo round sulla falsa riga del precedente con Manuele che iniziava a farsi più incisivo cercando di mettere sotto pressione l'atleta romagnolo.
Ma in una ennesima azione d'attacco del nostro alfiere, Filippini veniva chiuso all'angolo subendo un potente middle kick che gli faceva perdere equilibrio e coordinazione.
Nel tentativo di ricomporsi cercando di rientrare nella sua guardia,
Filippini colpiva Manuele al volto con una forte gomitata che lo costringeva all'intervento medico.

Il match veniva così interrotto con l'assegnazione finale di un giusto "no contest" che permetterà a entrambi i contendenti di disputare un nuovo match per l'assegnazione dell'ambita cintura.

Forza Manuele

FTR RULES

IL VIDEO DEL MATCH dallo Yamabushi Team


Torna su

.................................................................................................

TITOLO EUROPEO PRO KL MILO RAINI
27.06.2009 - Allumiere (RM)


GUARDA LE FOTO


Il 27 giugno 2009 sarà una data da ricordare per tutto il Fight Team Roma: TITOLO EUROPEO PROFESSIONISTI K-1 5x3' - Milo Raini (Fight Team Roma - Italia) vs Mimoun Boughdir (Lotus Gym - Olanda).

Per il massimo evento della stagione ci siamo preparati tutti i giorni a ritmi incessanti, con il massimo della meticolosità. L'avversario di Milo, proveniente dalla piu' importante scuola europea ma soprattutto le tante riprese (5) della durata di tre minuti ciascuna, presupponevano un attenzione a tutti i particolari.
Tutto lo staff F.T.R. e' stato vicino a Milo per tre settimane praticamente tutti i giorni. Il nostro campione, da professionista qual'e' (se mai ce ne fossero stati dubbi), applicava schemi e strategie al limite della perfezione.
Lo scenario e' stato il palazzetto dello sport di Allumiere, in provincia di Roma. Organizzazione impeccabile dell'amico Marco Pucci (purtroppo il suo match e' saltato all'ultimo momento) coadiuvato da Roberto Cecchetti. Presente il presidentissimo K.L., Max Baggio.
Quello di Milo era il match clou, l'ultimo della serata.
Serata che vedeva anche il trionfo ai punti di Stefano Cecchetti nel mondiale dilettanti di Full contact, sempre contro un olandese.
Prima del Match gli inni nazionali: da brividi quello italiano con tutto il pubblico in piedi a cantare e la presenza massiccia dei ragazzi del Fight Team Roma a sostenere il loro compagno.

Prima ripresa: in perfetto stile olandese Boughdir attaccava con combinazioni semplici, pochi colpi ma al massimo della forza (diretto, low kick gamba dietro, middle sinistro in difesa ed uno swing destro largo molto pericoloso), Milo con il suo ben piu' vasto repertorio di colpi rispondeva sempre, mettendosi in mostra per attacchi piu' efficaci come una combinazione diretto - high kick purtroppo bloccata dall'olandese che avrebbe chiuso anzitempo la gara. Per noi risultato 10 a 9 sui cartellini in favore di Milo.

Seconda ripresa: sulla falsa riga della prima, il match ha un ritmo non troppo alto, entrambi temono di sprecare energie per la lunga durata delle riprese. Improvvisamente il match ha una fiammata: Milo, in perfetto stile Bonjansky, centra d'incontro la bocca dell'olandese con una ginocchiata gamba dietro. Sanguinante lo costringe alle corde nel tripudio del pubblico, ma saggiamente come concordato non forza il ritmo ed infatti Boughdie era gia pronto a rispondere con ganci larghi............c'e' tempo Milo.
Altra ripresa a favore del nostro alfiere.

Terza ripresa: Milo comincia ad alzare il ritmo e l'avversario sembra in difficoltà, dopo una serie di scambi il nostro atleta costringe all'angolo l'olandese e lo centra con un'altra spettacolare ginocchiata al viso. Prontamente interviene l'esperto arbitro De Santis e mentre l'olandese cade al tappeto Milo aveva gia' tentato di portare un montante al viso, risultato poi dalle riprese non del tutto arrivato a segno.
Bogughdir cade esamine al tappeto, rimanendo fulminato per molti minuti.
Gli olandesi protestano per il colpo, secondo loro, arrivato dopo l'intervento dell'arbitro.
Le varie riprese testimoniano che la regolarissima ginocchiata ha posto fine al match e che il colpo di braccia, del tutto inefficace, sia arrivato, ma non partito, mentre l'arbitro si stava mettendo in mezzo tra Milo e il suo avversario per iniziare il conteggio.
Dopo più di 15 minuti passati a rivedere le varie riprese da ogni angolazione possibile veniva letto il verdetto: vittoria meritatissima per K.O. di Milo Raini che sale così sul tetto d'Europa.

Da segnalare il guanto di sfida lanciato da parte dell'intero team olandese nell'invitarci, per la giusta rivincita, in terra straniera, nonchè la suggestiva coreografia di Andrea Tortora, stile K-1 Gp Tokyo, con tutto il Fight Team Roma in tripudio.

Grazie a tutti e complimenti a Milo per l'ambita cintura arrivata in questa magica notte.

FTR RULES

I VOSTRI COMMENTI

LUTTAZI: Felicità alla stelle, la tensione prima e durante il match era simile ad un Roma - Juve...ogni colpo del nostro MILO accompagnato dal classico OHè dava i brividi.
Fino al terzo R  si è imposto sempre di più, fino a metterlo KO con una precisa ginocchiata. Da dimenticare la sceneggiata fatta poi dall'accompagnatore dell'olandese e dall'atleta....anche in questa frangente ha vinto MILO per la sua grande signorilità.
VITTORIA MERITATA COME NON MAI . ONORE E GLORIA AL CAMPIONE EUROPEO!
è bellissimo vedere un team che si unisce fino a tal punto!
 FTR VENI VIDI VICI

POSCIA: Bella vittoria, specialmente perchè sofferta: ha incontrato le stesse difficoltà che aveva avuto con Barone cioè l'avversario con la mano pesante che lo ha preso un paio di volte col gancione, ma stavolta ha saputo gestire. Si è chiuso e ha accorciato invece di allungare le braccia. Poi ha ripreso a controllare il match al centro del ring, da dietro i colpi dritti, senza farsi portare alle corde e senza tentare cose improbabili. Milo può fare tutto, frontali, ginocchiate saltate etc ma è stato bello vedergli usare le cose semplici come il jab per controllare il match con freddezza.
...10 E LODE LOL

PAVONCELLO: Olandesi... NO COMMENT!!!
Grande Milo ottimo match!
Go Fight Team ROMA

 

banner ilguerriero.it

banner ilmatch.com


GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

ASSOLUTI K.L. 2009
14.06.2009 - Ronciglione (VT)
il report dell' FTR

GUARDA LE FOTO


Ennesimo evento KL, ennesima partecipazione dell' FTR: ITALIANI ASSOLUTI.
La manifestazione in realtà non era iniziata con i migliori auspici: dapprima il problema della location, prima Monterotondo poi Fiumicino e all'ultimo il palazzetto di Ronciglione; poi il ranking, risultato dei punteggi delle varie "eliminatorie" della stagione in corso che, a nostro avviso, ha generato grande confusione, con il risultato di avere un livello di pubblico MA SOPRATTUTTO di team veramente basso rispetto agli anni precedenti con categorie mischiate......insomma scene gia viste in precedenza che hanno sempre contribuito a far pendere verso il basso l'ago della bilancia.
Infatti questa confusione ci ha coinvolto direttamente, e le
perplessità che ci hanno lasciato a me e Steve sono tuttora al vaglio
per decisioni future.
Ma restiamo in tema gare e procediamo con ordine.

DENISE DE MARINIS -60KG ASSOLUTI K1L
Prima atleta dell' FTR a combattere, contro di lei un'avversaria di 10 kg più pesante. :-(
Parte il primo round e si nota subito che Denise appare molto contratta lasciando così spazio agli attacchi dell'avversaria che sfrutta il suo maggiore allungo.
C'è bisogno dell'intervallo tra la prima e seconda ripresa per riorganizzare le idee.
Quindi dalla seconda ripresa la tattica è di usare molto di pù colpi in linea retta; infatti centra più di una volta la sua avversaria con dei diretti facendo emergere appunto questo suo punto debole, ma la sua avversaria non stà a guardare e riesce a colpire con un montante al fegato che la fa momentaneamente piegare. La nostra atleta si sta comportando bene anche se aspetta troppo la sua avversaria. Purtruppo, in una fase di studio, mette un piede fuori dal tatami e gli si gira il ginocchio. Il match viene interrotto e la vittoria va alla sua avversaria. Denise viene soccorsa dai medici, soltanto la sera dopo accertamenti gli vengono dati 10gg di riposo.
In bocca al lupo. La tecnica la conosce ma l'unico vero problema è l'approccio mentale che sembra avere con i match. Peccato!

MAURO "ICEMAN" FORTE -60KG ASSOLUTI K1L(Speranze)
15 anni di età, 54 Kg. di peso, campionato italiano e
coppa del mondo Light in bacheca, zero nella colonnina sconfitta, tutto questo è Mauro "Iceman" Forte, atleta che cresce di giorno in giorno, mancino elegante ed efficace.
L'avversario non c'è e perciò si ripiega nei seniores dove in finale (la semifinale la conquista a tavolino per forfait dell'atleta) incontra un avversario di peso superiore ai 60 Kg, con un lungo score di vittorie nel sanda e nel K-1, che fu però detronizzato del titolo di light e successivamente messo KO nella rivincita a contatto pieno dal nostro Massimo Sabeddu. Sicuramente uno che dovrebbe guardare ad altri orizzonti piuttosto che venire a prendere una coppa nel light, scuola per le speranze!!
Nonostante questa disparità di esperienze il match vede l'avversario,
superato tecnicamente e mentalmente dal nostro Mauretto, sparare
combinazioni braccia e qualche volta gambe alla massima forza (ma non era un light!?!?). Nonostante tutto Mauro riesce a bloccare ogni vano attacco rientrando sempre con efficacia.
Un discutibile verdetto impone l'extra round, assolutamente non condiviso. Il risultato volta le spalle al nostro, che comunque
sciorina una prestazione da applauso degna di scenari migliori. Grande Mauro.

LORENZO PANICONI -70KG ASSOLUTI K1L
Esordio per il nostro Lorenzo, 6 mesi di palestra con noi, un anno di boxe alle spalle, lo iscriviamo all'open, ma per i problemi di cui sopra si ritrova in un girone a 4 agli assoluti!!!
Le tre riprese fatte con tecnica ed audacia con Milo Raini in settimana ci confortavano, infatti seppur contratto e nervoso portava
a casa la sua prima vittoria alternando a sprazzi la buona
tecnica di gambe e braccia.
La Finale lo vedeva opposto ad un bravo avversario con svariati match alle spalle. Lorenzo era provato dalla gara precedente e ha stretto i denti dimostrando carattere e forza di volontà ma la fretta ed il nervosismo gli facevano accorciare troppo le distanze quindi le tecniche risultavano un po' confusionarie, ma il risultato è dalla nostra parte. Lorenzo è CAMPIONE D'ITALIA, con un verdetto un po' contrastato dalla squadra avversaria.

LEONARDO "MINI-ME" PARISI -70KG ASSOLUTI MTL
Stesso discorso di Lorenzo riguarda l'altra nostra giovanissima speranza, il sedicenne Leonardo Parisi, inserito direttamente nella finale, ha come avversario per la cintura tricolore un "maturo" avversario di ben 36 anni. Vedendolo tatuato, pelato, stile Ortiz (solo nelle fattezze.......nemmeno tanto ndr), Leonardo impiega 2 riprese a prendere le misure ed entrare nel match, riesce addirittura a
dare di stomaco nel casco con la grata............
Ma è nella terza ripresa che il nostro atletino tira fuori quello che ha imparato all' FTR e pregia il pubblico con una gomitata avvitata e due saltate portando a casa la ripresa.
Tuttavia le prime due perse gli costano la cintura. Sara' per la
prossima Leo: ora che hai rotto il ghiaccio continuando ad allenarti con costanza e serietà i risultati arriveranno molto a breve.

MANUELE "TERMINATOR" RAINI -70KG ASSOLUTI K-1 1^ SERIE
Dopo la vittoria nella Coppa del Mondo, il ritorno sui ring di Roma
e dintorni del nostro fuoriclasse Manuele "Terminator" Raini. Trepidazione per vederlo all'opera dopo le performance di Rimini con ben 4 atleti a contendersi la cintura di CAMPIONE ITALIANO.
I presupposti c'erano tutti: gli avversari...NO!?!?!
Risultato? Consegna della cintura con tanto di rito fotografico ad
un furioso e perplesso Manuele. Un contendente infortunato ad una coscia, un'altro con problemi di stomaco e l'ultimo all'esordio nella massima serie che ci ha ripensato!!
Che sfiga direte voi!!!! Sicuri si tratti di sfiga? ;-)

MARCO CIPRIANI -80KG ASSOLUTI K1L
Proveniente dal suo Primo posto alla Coppa Italia di Terracina, e da due buoni match a Monterotondo, si presenta come riserva ufficiale in questi Assoluti.
L'avversario che affronterà fa parte dello stesso team dell'avversario che Marco ha battuto a Terracina. Quindi il suo maestro, avendo già visto combattere il nostro atleta, da al suo allievo alcuni consigli utili per rendergli la vita difficile. Uno di questi consigli è neutralizzare i calci frontali di Marco che fecero impazzire il suo atleta.
Nelle prime battute del match la tattica riesce, 3 calci frontali di Marco vengono parati, da lì in poi però si cambia strategia cominciando ad usare (e bene) la boxe, spiazzando così l'avversario. Colpendolo alla distanza con jab e sorprendendolo a corto con montanti e ganci, Marco domina e si aggiudica il match.
Vittoria Finale per Marco che diventa così CAMPIONE ITALIANO. Complimenti, il margine di miglioramente è ancora tanto ma la passione per questo sport non manca. Ed è questa la cosa più importante per essere vincenti.

RICCARDO CIPRIANI -85KG MTL OPEN
Reduce da due settimane in cui non si è potuto allenare a dovere causa lavoro, Riccardo in un caldo tremendo parte con il suo incontro, l'avversario è leggermente più alto di lui ma più leggero.
Nelle prime fasi del match gli atleti non controllano a dovere i loro colpi e ricevono un richiamo ufficiale da parte dell'arbitro. Riccardo fà un primo round in sordina svegliandosi poi dal secondo round, grazie ai consigli del suo angolo. Comincia ad usare più spesso i colpi di braccia e centra con un bel gancio d'incontro il suo avversario facendolo cadere. Gran colpo! Il match prosegue con Riccardo che lavoro bene in clinch e continua a dare fastidio con colpi di braccia. Si aggiudica così la meritata vittoria, passando alla Finale.
Finale di MTL che si disputa sul ring. I due atleti si equivalgono, anche fisicamente sono simili, Riccardo è più bravo nel clinch dove porta ottime ginocchiate, mentre il suo avversario è più bravo nello striking dove piazza buoni low kick, la differenza alla fine la fà il fiato. Un Riccardo preso dal panico per la mancanza d'aria abbandona il match lasciandosi andare ad uno sfogo da dimenticare ma per il quale si è subito scusato.
E' un vero peccato perchè il match stava procedendo bene. Riccardo ha fatto ottimi progressi e su riuscisse ad allenarsi senza problemi probabilmente avremmo visto una finale diversa.

Sembrava finita ma.....

MARCO CIPRIANI MTL -80KG
Sorpresa finale, manca un'avversario per un'atleta nella MTL e la scelta ricade su MARCO CIPRIANI che, anche se ormai si era completamente rilassato con cibo e bevande, non rifiuta la possibilità di combattere.
I primi colpi del match sono portati tutti dalla distanza poi si arriva alla fase di clinch, molto combattuta da tutti e due, il suo avversario gli abbassa molto spesso la testa nella fase di clinch, ma l'arbitro non lo ferma e per questo Marco mette in atto una polemica. Accorgendosi poi del suo errore chiede subito scusa. Continua il match e Marco porta ottimi colpi come un high kick perfetto che va a colpire la grata del caschetto avversario, un pugno grato, e cosa più bella, delle gomitate nel clinch. Il verdetto finale non lo premia, ma comunque grande onore a questo atleta che non si è tirato indietro e ci ha fatto vedere le ultime gomitate di questa serata.

FTR Rules

Cristiano, Roberto, Steve

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

K.L. WORLD CUP 2009 - 1/3.05.2009 Rimini
il report dell' FTR

GUARDA LE FOTO


Ci siamo: di scena a Rimini la più importante manifestazione annuale della KL, egregiamente organizzata nel Palazzetto 105 del capoluogo romagnolo, la "KL World Cup 2009".

Il Fight Team Roma schiera una squadra composta da Milo Raini (K-1 classe A -67) Manuele Raini (K-1 classe A -70) Massimo Sabeddu (K-1 classe c -60) e Mauro Forte (K-1 Light -55 Speranze).
All'Angolo: master Gallo, Giovinale, Luttazi e Denise (Steve impossibilitato per impegni... Tricolori).
Venerdì 1 maggio si comincia e male con Massimo Sabeddu, imbattuto in tutti i suoi incontri, che per un qui pro quo con Roberto Cecchetti deve salire dopo il terzo richiamo sul ring senza nemmeno riscaldarsi (alla prima chiamata era ancora in albergo).
L'incontro parte subito nel peggiore dei modi per un contratto Sabeddu che viene centrato da una ginocchiata in pieno viso, frutto da una presa a due mani vietata nelle regole K-1, che gli procurava la rottura del setto nasale. All'angolo master Gallo lo rimetteva a posto ma il sangue scendeva copioso. A metà della prima ripresa Max, con un terribile gancio, mandava malamente il suo ben più
alto avversario al tappeto. Solo il caschetto faceva sì che si rialzasse prima dei fatidici 10 secondi.
A questo punto pensavamo tutti che fosse solo questione di secondi: l'ennesima vittoria del nostro portacolori prima del limite. Ma Sabeddu, probabilmente innervosito scaricava rabbia con colpi spesso fuori misura accettando lo scambio con l'avversario che lo punzecchiava con ripetuti diretti al volto. L'arbitro sospendeva più volte il match fino a decretarne la fine, a metà della seconda, per il continuo fuoriuscire di sangue dal naso di Max.
Peccato!

Sabato: Finale diretta per Mauro Forte, imperturbabile per tutto il tempo, tanto da guadagnarsi il soprannome di "Iceman".
Svolgemineto dell'incontro: archivia il match con tre riprese di pura accademia K-1 con concatenamenti deliziosi braccia gambe e ginocchia, padronanza del ring da veterano.
Porta a casa il primo ORO e non solo!!!
Riceve i complimenti da tutti, arbitri, giudici e addetti ai lavori: è tra i primi 5 atleti nel contatto leggero.
Siamo fieri di te!

Era il gran momento: Manuele Raini sul ring dopo 1 anno di stop dovuto ad uno strappo muscolare alla spalla destra durante il torneo K-1 di Voghera.
Sono tanti i motivi per vedere all'opera il fuoriclasse FTR: ad un anno di distanza dal grave infortunio, come si ripresenterà? Potra' continuare ad alti livelli la sua carriera? Si tratta inoltre dell'esordio in KL......... insomma l'attesa era tanta, così come le nostre responsabilità verso un atleta visibilmente emozionato.
Arriva la ciliegina sulla torta: l'avversario del primo match è l'algerino di Carlo Barbuto (Maestro competente, cordiale e simpaticissimo) che gli aveva strappato per preferenza all'extra round il titolo di campione d'Italia a Cantù anni orsono.
Manuele si è allenato duramente ed è straconvinto delle sue potenzialità: il match segue questa condotta ed il nostro campione sciorina una tecnica sopraffina come solo lui sa fare.
Si vola così in finale senza appello: nemmeno un graffio. Mamma mia!

Domenica è il giorno delle Finali: un'oscuro ricordo ci pervade all'uscita degli accompiamenti.
Le finali: prima Milo poi Manuele sul ring centrale. Vecchi spettri dello stesso accoppiamento degli Italiani di Cantù dove l'esito fu nefasto per noi!!
Oggi però la musica sarà differente.
Milo Raini, dopo l'ingiusto e sfortunato PRIMO KO subito a Monterotondo affronta anche lui un atleta della forte scuola torinese di Barbuto.
Prima ripresa condotta a ritmo sostenuto in cui Milo vince ma tira sempre colpi al massimo della forza ed è molto contratto e rabbioso. Al termine della prima ripresa arriva all'angolo e fa presente di non avere più fiato. E' solo un momento lo invitiamo a rilassarsi e lo rassicuriamo. La seconda e terza ripresa sono un'escalation di otiime combinazioni tecniche ed il forte avversario è costretto a cedere il passo ad un atleta che, quando è in giornata, non conosce rivali. Secondo ORO e secondo titolo in bacheca.

Nemmeno il tempo di festeggiare e si torna sul ring con Manuele Raini. Giovinale aveva visto per noi l'avversario nella semifinale, parlandoci di un ottimo pugile, con calci frontali frustati e low kick pericolosi. Scheda perfetta e tattica preparata su misura. Bravo Giovinale.
Da menzionare dopo pochi secondi dall'inizio del match un high kick di Raini gamba avanti in piena testa, solo il caschetto salva il contendente da un KO drammatico.
Manuele trionfa alla grande nelle prime due riprese. Nella terza ed ultima ripresa ci aspettavamo la reazione dell'avversario e così è stato: perso per perso il suo contendente si getta in scambi sostenuti contro il nostro alfiere che contrattacca con colpi sempre tecnici e potenti mandando in visibilio il pubblico presente.
Con il Manuele di oggi non ce n'è per nessuno.
Terzo ORO all' FTR.

Complimenti Ragazzi e..........Fight Team Roma Rules!!!

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Campionato Nazionale Open
Monterotondo (ROMA) - 15 marzo 2009
il report dell' FTR


Nella splendida cornice del Palazzetto di Monterotondo si sono svolti
gli Italiani Open della Kombat League.
Organizzatori dell'evento il presidente del Lazio RobertoCecchetti e, per la prima volta, Cristiano e Steve del Fight Team Roma.
Ottima la risposta delle società e del pubblico con 1500 presenze divise tra atleti a pubblico.

Per l' FTR, si presentavano alle gare: Massimo Sabeddu, Andrea Tortora, Milo Raini,  Mauro Forte, Giulio Lombardo, Denise de Marinis, Valerio Ippoliti e Marco Cipriani.

Sabeddu disputava il suo secondo match a contatto pieno nelle regole K-1, categoria-60 e si ripeteva disputando un match molto intenso con scambi calci e pugni.
Porta a casa così un'altra meritata vittoria per KO alla terza.

Milo Raini, si presentava nello stile K-1 -67 classe A, iniziava il match nel migliore dei modi, bei scambi e ottime distanze, un avversario tecnicamente inferiore lo afferrava durante uno scambio per poi proiettarlo a terra con una sleale mossa di Wrestling.
Iil nostro alfiere cadeva a terra, batteva la testa e ci voleva tempo per riprendere l'incontro. Provato per la botta si rialzava stoicamente ma nello scambio successivo riprendeva un altro colpo alla testa e doveva abbandonare il match.

Andrea Tortora perde un match praticamente vinto nei Light Contact -67 per un punto di penalizzazione alla seconda ripresa. Si e' innervosito inspiegabilmente dopo che stava ben conducendo il match. C'è da dire che comunque migliora sempre piu'.

Di rilievo l'incontro di Mauretto "Iceman" Forte che vinceva all'esordio nella categoria -55 K-1 Light dopo soli 7 mesi di palestra. Ottima tecnica e splendida tenuta sul tatami.

Giulio Lombardo, direttamente dalla Sicilia dopo mesi di allenamento nella sua nuova casa FTR, decide di esordire nel torneo K-1 contatto pieno -70 Kg classe C: il piu' affollato di tutti!!!!
Pprimo e secondo match vinti ai punti con la medesima condotta di gare: frenato da un inspiegabile timore non si esprime come sa, specialmente con le sue velocissime gambe. Tutto il lavoro svolto in settimana sembra fumo, ma il grande cuore e carattere sovvertono gli esiti dei match. La finale meritata e' sulla stessa traccia dei precedenti match, ma il fiato corto mina il risultato che stavolta sorride al suo avversario solo all'extra round.

Denise De Marinis: a causa della mancanza di avversarie nella sua categoria di peso è costretta a combattere nei -60kg.
Denise combatte bene impostando il match sopratutto sui colpi di boxe, la sua avversaria è più aggressiva ma imprecisa, forse i giudici hanno premiato questa aggressività a scapito della tecnica. Sconfitta per Denise, verdetto a detta di molti ingiusto.

Valerio Ippoliti: esordio per questo atleta che pratica solo da 6 mesi, soffre l'inesperienza andando in debito di ossigeno, ciò nonostante tiene bene il ritmo del match, piazzando ottimi low kick e calci frontali, contro un'avversario più alto, che lo pressa maggiormente di
braccia. Un match equilibrato che vede la vittoria del suo avversario.
Bell'esordio comunque per Valerio.

Marco Cipriani: Reduce dalla vittoria a Terracina ed accompagnato da un infortunio all'anca subito pochi giorni prima del match, nella categoria - 80 kg. Marco controlla il match sfruttando il suo maggiore allungo, mettendo a segno molti calci frontali, low kick e jab. Conquista la vittoria che lo porta alla finale.
FINALE -80KG. Marco incontra un'avversario con più esperienza e più
tecnico, bravo sopratutto con le gambe, qualità che spiazzano il nostor atleta. Negli scambi di braccia Marco ha la meglio e dovrebbe insistere su quello, ma causa soprattutto la stanchezza e quel fastidioso dolore all'anca non riesce a farlo. In questo modo il suo avversario piazza diversi calci che gli danno la vittoria.

Complimenti a tutti.


Torna su

.................................................................................................

Campionato regionale K.L. - 07.02.2009 Terracina (LT)
il report del FTR

GUARDA LE FOTO

Il 7 Febbraio si è svolto a Terracina un galà organizzato dal Maestro Alessandro Tolone.
Il Fight Team Roma si presentava con due atleti: nei -85 K-1 Light, esordio di Andrea Di Benedetto e nei -60 K-1 contatto
pieno classe N, l'esordio del tanto atteso Massimo Sabeddu, 2 volte campione italiano Thai Light ed ancora imbattuto.
Andrea Di Benedetto, iniziava il match portando belle tecniche di calcio e pugno contro un avversario al quale probabilmente non hanno spiegato le regole delle gare light e, visto un atteggiamento molto spocchioso, nemmeno quelle di vita (i classici tipi bulletti che confondono le gare a contatto leggero con le risse da strada, ma che poi nei ring con le regole a contatto pieno non si vedono mai.........ndr). Viene infatti richiamato 2 volte dall'arbitro ma poi, in virtù di centinaia di colpi confusi, si aggiudica il match ai punti contro il nostro Di Benedetto, al quale probabilmente è mancata quella continuità d'azione che, vista la netta superiorità tecnica, l'avrebbe portato a vincere facilmente. Era comunque il primo match e siamo soddisfatti.

E' il turno di Massimo Sabeddu all'esordio nel KO.
Entra nel palazzetto con la tensione che lo contraddistingue (probabilmente in quel momento non si ricorda nemmeno come si chiama!!).
Il suo avversario lo conosce bene, team Cecchetti, con gli amici Stefano e Roberto all'angolo. Lo ha già sconfitto nella finale a Monterotondo in occasione degli Italiani Light.......ma ora è un'altra cosa.
Si comincia........
L'avversario, più alto di Massimo, chiude immediatamente la distanza e attacca con decisione ma il nostro risponde con fierezza con ganci larghi tirati a ripetizione anche se disordinatamente, ma la chiusura di gambe con i low o middle fanno rimbombare il ring. Lo invitiamo dall'angolo ai colpi diretti, testa bassa e un maggior movimento.
Dopo lo stop dell'arbitro per un colpo basso, l'avversario parte subito verso Max che contrattacca con una ginocchiata saltata al viso che per poco non chiude anzitempo il match. A metà ripresa dopo uno scambio acceso Max blocca un high kick e mentre chiude la distanza cade rovinosamente sull'avversario che si infortuna.
Dopo l'intervento del medico si riparte, ma per Max è ormai una formalità: due missili terra-aria, middle gamba avanti e low gamba dietro e 3 ganci chiudono all’angolo il suo avversario che allo stremo delle forze non può far alro che arrendersi.
Fine delle ostilità e KOT alla prima ripresa; non c'è male per il Sabeddone!!!

Complimenti dai Maestri Cristiano e Steve.

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Milo RAINI vs Massimo BARONE
il report del FTR

Il giorno 6 dicembre 2008 si è svolto il match tra il nostro Milo Raini
e Massimo Barone nella città di Nocera Inferiore (Sa).
Dopo la richiesta del Presidentissimo Max Baggio abbiamo accettato di preparare Milo per questo incontro con curiosità ed alcune remore.Seppur convinti, infatti, che Milo possa competere con chiunque (siamo una scuola che per filosofia accetta qualunque sfida conscia del valore dei suoi alfieri), in questo caso il discorso si preannunciava diversamente.
Dopo l'infortunio della nostra punta di diamante Manuele Raini, categoria naturale nei -71kg. volevamo provare ad entrare nel giro del circuito del K-1 Max, quello dei 70 Kg. appunto, e l'unico che poteva provarci per un briciolo di esperienza in più degli altri, era sicuramente Milo con "l'unico" handicap del peso. Tutti i suoi match erano stati fatti nella categoria 63 Kg. ad eccezione dell'ultimo vinto contro il sardo Marco Giannoni a -67.
Milo ha accettato senza esitare ed avevamo 3 settimane di tempo per colmare il gap di peso con Barone che al suo attivo ha innumerevoli match da professionista su tutti i ring d'Europa, anche negli 80 Kg.
Il giorno del Match arriviamo a Nocera Inferiore, accolti benissimo da Massimo Barone ed il suo staff (per i quali vorremo spendere parole di encomio per l'affabilità e l'ospitalità che ci hanno riservato). Alla bilancia Milo fà segnare 67.5, Barone 70.4 Kg.

Inizia il match.....il primo scambio è devastante per il nostro: diretto sx, diretto dx, ginocchiata frontale, tutti a segno!! Cominciamo a paventare una disfatta macroscopica.
Milo li incassa tutti. La folla di casa è in delirio. Pensiamo al peggio, ma lui con orgoglio recupera il momento negativo e con due low kick ben assestati ed un front fà cadere Massimo e rimette in carreggiata il match. Nella prima ripresa avviene uno scambio di colpi devastanti: braccia gambe e ginocchia, comunque molto tecnico, secondo noi pari con forse, leggera prevalenza di Barone.

La seconda inizia con lo stesso tema; l'incontro ha un ritmo molto elevato e di gran lunga superiore a tutti i match della serata, è il match Clou e questo ha avuto un epilogo nefasto per noi poichè la giuria, evidentemente presa dalla spettacolarità e cruenza dell'incontro ha fatto terminare la ripresa ben oltre i 3 minuti canonici!!!! Negli ultimi secondi dei 4 minuti Milo veniva infatti chiuso all'angolo e subiva una serie di colpi che culminavano con un gancio sx al fegato che lo metteva K.O..

Nella terza ed ultima ripresa, sollecitato dall'angolo (finora palesemente ignorato da Raini per sua stessa ammissione) il nostro alfiere cominciava a muoversi con più ritmo cambiando la trama del match fino a quel momento consegnato alla tattica di Barone.
I risultati si iniziavano a vedere e si cominciava a mettere punti sui cartellini dei giudici. Da segnalare purtroppo che in uno scambio acceso Barone colpiva Milo con due spinning back fist (vietati da regolamento) e poco dopo i due contendenti si colpivano accidentalmente con una testata che procurava taglio (Milo) e tumefazione (Massimo).
Ad un minuto dal termine del match, Barone riproponeva la stessa combinazione vincente della seconda ripresa ed otteneva lo stesso esito: K.O. al fegato.
Stavolta Milo decide di abbandonare.

Considerazioni finali.
Come ripetuto più volte noi vediamo sempre il bicchiere mezzo pieno: Milo è un campione ben al di sopra della media nazionale; si e' cimentato contro un avversario di gran lunga più blasonato in una
categoria di peso non sua..........nonostante una partenza shock ha rimesso in carreggiata il match senza sfigurare, anzi, ha dimostrato tutto il suo valore (HA LE PALLE).
Le ombre: si può perdere e vincere, non è questo il problema, ma è come si è perso che è stato irritante.
A parte tutto Milo ha tenuto testa a Massimo, rispondendo colpo su colpo, ma di strategia (come ha ammesso appena uscito dalla doccia) preparata giorno su giorno non se n'è vista traccia. Piantato sulle gambe stile Muay Thai ha scambiato colpo su colpo contro un avversario temuto per la sua potenza di braccia, finendo inspiegabilmente sempre alle corde favorendo appunto il lavoro di pugni che sapevamo essere la cosa più pericolosa di Barone.
Avesse fatto il lavoro in cui eccelle, Milo avrebbe molto probabilmente messo in bacheca un ottimo successo.

La strada da percorrere sappiamo qual'è: Forza e Onore Milo vedrai che i risultati non tarderanno ad arrivare. Ma devi dare retta al tuo angolo.


Torna su

.................................................................................................

Campionato Regionale K.L. - il report del FTR

GUARDA LE FOTO

Il giorno 16 novembre 2008 ha segnato una data importante per l'FTR. Prima competizione ufficiale K.L. della stagione 2008/2009 ma, evento da ricordare ai posteri, primissima partecipazione di atleti provenienti dalle nostre "succursali": la palestra "Be First", diretta dall'istruttore Marco Giovinale e la "Futurline" dell'istruttore Fabio Polidori.
Il progetto di ampliamento della squadra fatto dai maestri Cristiano e Steve continua in modo esponenziale....ma siamo solo all'inizio.

Prima di passare alla cronaca vera e propria ci tenevamo a fare un plauso all'organizzazione del presidentissimo e amico Roberto Cecchetti e a tutti i membri del Comitato Regionale Laziale, per essere riusciti a radunare in un palazzetto ai limiti della capienza massima, BEN 380 ATLETI. Complimenti a tutti per la riuscita di queste gare!! Complimenti pure ai moltissimi bambini partecipanti nelle arti del karate e del sandà.

Ma veniamo a noi.
Cominciamo con GIOVINALE: l'istruttore forse più teso ed emozionato dei propri ragazzi che per la prima volta si cimentava in gare sportive dopo un anno di insegnamento. Presentava nella disciplina Thai Light 3 alfieri: Sergio Bernardini, Valerio Addi e Johnn Ville Mann. Per i primi due era il battesimo del fuoco, Sergio e Valerio perdevano le rispettive gare con avversari più scaltri e con diversi match alle spalle. Ovviamente l'emozione ha giocato un brutto scherzo a entrambi ma abbiamo visto a sprazzi tecniche ben effettuate. Adesso che avete rotto il ghiaccio ragazzi continuate
così: ci aspettiamo più continuità e decisione per le prossime apparizioni.
Johnn il francesino inizia nella thai un macht che lo vede, nervoso e contratto, sbagliare le distanze in maniera continua: è vittima di un avversario più alto e composto; la seconda ripresa lo vede riprendersi sui cartellini ma la fuoriuscita della spalla ne decreta la
sconfitta. Rimaniamo un po' delusi, Marco ce ne aveva parlato talmente bene..... Ma il transalpino ci smentisce subito nella gara K-1, è la disciplina a lui più congeniale visti i trascorsi nella kickboxing. Johnn si presenta all'angolo con una maglia azzurra con la scritta "Lippi non è il mio allenatore" molto apprezzata dal pubblico. Stavolta rompe subito il ghiaccio azzeccando le distanze: è molto deciso e duro e vince il primo match senza possibilità di appello... un altro guerriero!
La finale per lui è una formalità; il suo avversario lo teme perchè Johnn svaria molto i colpi braccia gambe senza tregua. Il match diventa maschio e volano colpi duri. L'arbitro è costretto a intervenire più volte, ma è qui che Johnn dimostra di trovarsi a suo agio perchè si fà rispettare rispondendo colpo su colpo.
E' titolo regionale K-1 per il Fight Team Roma...Grazie Johnn.

E veniamo a Fabio POLIDORI.
Emozionato peggio di Giovinale anche lui all'angolo per la prima volta con Fabrizio Mercuri, Lorenzo Ercole e Fabrizio Meliffi. Tutti e tre all'esordio nelle gare, disciplina K-1.
Comincia Lorenzo che all'ultimo minuto cambia stile cimentandosi nella Thai, contro un avversario ben più esperto, con 6 match light e 3 a contatto pieno. Visibilmente emozionato e contratto effettua buoni attacchi ma paga una difesa non all'altezza. Perde, ma con onore. Lavora sulla difesa e dai più continuità alla manovra.
Tocca a Fabrizio Mercuri: del "lotto Futurline" era quello da cui avevamo più aspettative essendo in peso forma e molto dotato tecnicamente ma, ahinoi paga più di tutti l'esordio risultando alla fine il più contratto e emozionato. L'attesa per la prima gara lo innervosisce molto, non si esprime come potrebbe ma perde contro un avversario più esperto. Caro Fabri, vedendo il bicchiere sempre mezzo pieno abbiamo apprezzato specialmente i front kick tirati con tempismo e sempre a segno. Ti giustifichiamo solo perchè era la prima gara!!!
L'ultimo match dei lottatori " Futurline" vedeva Fabrizio Meliffi approdare direttamente alla finale dopo aver vinto per abbandono dell'avversario la semifinale. Fabrizio, visibilmente appesantito da un'estate di bella vita si presentava nella categoria -86, era inspiegabilmente il più tranquillo dei tre, sembrava padroneggiare la situazione da vero veterano del tatami. Questa situazione faceva si che a differenza dei suoi compagni, approcciasse il match nella maniera migliore, facendo intravedere la buona tecnica di cui è dotato. L'avversario, un energumeno al limite del peso, non era tecnicamente pulito ma un allungo superiore di braccia faceva si che mettesse in cascina punti a ripetizione con improbabili ganci alla "viva il parroco". Il verdetto alla fine ha sorriso a lui, anche se a mio avviso la vittoria del Meliffi nazionale non avrebbe fatto gridare allo scandalo. Comunque portiamo un argento in cascina, grazie e complimenti a Fabri.

E' il turno dei campioni in carica.... il loro score parla chiaro: insieme, sotto la bandiera FTR, vantano ben 9 match tutti vinti, con zero sconfitte, 2 titoli regionali ed uno italiano!!!
E' il turno di Max Sabeddu, primo match in K-1 -60 Kg senza storia. Danza che è una bellezza per tutto il tatami pungendo con braccia e gambe e approdando alla finale.
Per confermare il titolo regionale deve superare un avversario molto più alto di lui (oramai è una regola) che nella giornata ha vinto 6 match di kickboxing.
Max stavolta non legge bene la gara: pareggia la prima ripresa, nella seconda innervosito inizia attacchi improbabili e scontati rimanendo vittima di reazioni vincenti di un avversario che gli ha preso il tempo. Perde senza appello il round ma l'arbitro penalizza l'altro togliendogli 1 punto per scorrettezze. Nella terza Massimo
ricomincia il lavoro che sa' far meglio, aumenta il ritmo girando per
tutto il tatami e tempestando di colpi. Innummerevoli i low kick che
devastano la gamba sx del rivale. Il verdetto è a favore di Max con il punto di penalizzazione che evita l'extra round (va comunque detto che non sarebbe mai potuto essere disputato poichè l'avversario non riusciva nemmeno ad appoggiare la gamba a terra).
Sabeddu di nuovo campione regionale!!.....grazie Max.
E ora il turno di Alessandro Tempesta. Lo scorso anno per problemi di lavoro aveva dato forfait ai Nazionali, dopo aver vinto i regionali a -91 kg.!!.
Arriviamo al palazzetto un po' in ritardo, Alessandro gia' in tenuta da
gara ci salutava con il suo inseparabile Ipod: scena gia' vista, Alex si
carica cosi!!
Eravamo curiosi di vederlo dato che abbiamo lavorato molto nelle tecniche di Thai nel corso dell'anno e ci serviva un test prima di iniziare la carriera nel contatto pieno.
Primo match K1 Light - 80. La sua categoria. Alessandro va oltre le più rosee previsioni, freddo e cattivo quanto basta inizia a sciorinare
tecniche braccia gambe ad un ritmo elevato, sfrutta tutto il tatami lavorando dapprima negli angoli e poi guadagnando il centro ring, lasciandolo solo al suono della campanella che determina la fine del match.......si vola in finale.
Il suo avversario stavolta è un avversario che si è imposto nel Sandà. Alessandrone dapprima turbato per l'interminabile attesa, recupera la concentrazione e devasta l'avversario ormai alla sua mercè: Tempesta di nome e di fatto ci fa' vedere di aver cancellato le scorie del vetusto full, dedicando ai suo maestri una combo in perfetto stile Bangkok night: ginocchiata saltata controllata in piena fronte dell'avversario che rimane impietrito, nemmeno il tempo di coprirsi che Alex spara un superman punch in pieno viso....applausi scroscianti, vedetto unanime a suo favore e titolo regionale in bacheca!!...grazie Alex. Della serie "dai Master un Must" devi tenere la testa più bassa in tutte le azioni di attacco e difesa!! Vero Alex........la perfezione.......la perfezione sempre!!

In calce i maestri vogliono ringraziare gli istruttori Marco Giovinale, Fabio Polidori e tutti i nostri atleti partecipanti che, seppur provenienti da diverse palestre, hanno stretto tra lloro una forte amicizia e si sono tutti armati di grandi propositi. Tutti riuniti negli stessi colori rosso neri del FIGHT TEAM ROMA.

Ma questo....... è soltanto l'inizio!!!

Cristiano e Steve

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Intervista a Milo Raini

Riportiamo l'intervista completa rilasciata da Milo Raini dopo essere stato premiato dal Presidente della Kombat League, Max Baggio, come atleta dell'anno KL stagione 2007/2008.

Milo Raini con gli istruttori dell'FTR

Di Cristiano Galletti

C: “Allora Milo buongiorno...primo anno in KL e vieni insignito della
targa di miglior atleta della Federazione: come ci si sente?”


M: “Beh, devo dire che entrare in una nuova Federazione ed essere premiato così presto come miglior atleta dilettante dell'anno è una grande soddisfazione. Veramente e non aggiungo altro.”

C: “Un solo match che ha stupito tutta la dirigenza, in testa il presidente Max Baggio ed Emiliano Lanci, perchè ?”

M: “Il perchè di questo sicuramente lo sanno loro, io posso dirti che sono salito su quel ring convinto e motivato più che mai. Quel giorno mi sentivo davvero in grande forma, soprattutto psicologica, e il mio avversario non era da meno. E' stato un bello spettacolo. Credo sia questo più che altro il motivo della loro scelta.”

C: “Vuoi ribadire il tuo score?”

M: “Certo: 13 matches di cui 11 vinti (3 per ko) e 2 sconfitte ai punti.”

C: “Uno score di tutto rispetto; competizioni vinte e titoli conquistati tra Federcombat, Cisco, Fist, Fikb e ora KL: qual' è il tuo ricordo piu' bello?”

M: “Tra galà e campionati italiani vari sicuramente il più bel ricordo rimane la trasferta della vecchia guardia (Ortolani, Galletti, Buffoni, Manuele e Io) a Cantù, campionati italiani Fist thai boxing. Giornata davvero dura e interminabile, ricompensata da due ko consecutivi alla prima ripresa ma, ahimè, da una stupida sconfitta in finale. Rimane comunque il più bel ricordo.”

C: “Ricordo benissimo..purtroppo! Eravate in tre, in 3 categorie diverse, e dopo 9 ore di gare ad eliminazione diretta arrivaste in finale. Tutte e tre le finali perse per "decisione di preferenza" verso atleti di casa. Qualche dubbio rimane....
Ma torniamo a noi. In sordina con il full (eri giovanissimo), massima espressione nella thai e nel k-1: ci spieghi perchè?”


M: “Avevo sedici anni quando iniziai col full contact,a quel tempo con Giancarlo D'Andrea, allievo di Liberati, che ringrazio ancora per avermi aperto la strada agli sport da combattimento.Ho cominciato a praticare la thai boxe verso i 24 anni (ora ne ho 32) apprezzandone subito la completezza e il superiore bagaglio tecnico rispetto al full contact. Al momento sono orientato più verso lo stile k-1, ora molto apprezzato visti i famosi tornei mondiali. Motivo di massima espressione in questi sport perchè desiderio di rinnovarsi e completarsi come fighter. Non nego la voglia di andare oltre e di provare a cimentarmi anche nella shoot boxe, vista la possibilità in KL.”

Milo Raini con gli istruttori del FTR

C: “La tua vita è stata costellata da infortuni più o meno gravi, principalmente al di fuori degli sport da ring: dove saresti arrivato se non ci fossero stati?”

M: “Purtroppo nel 2000/2001 ebbi un grave incidente in moto, rompendomi un po' di tutto. Sono dovuto stare fermo quasi un'anno. Nemmeno il tempo di riprendermi del tutto che ebbi una lussazione alla spalla che portai avanti un'altro annetto prima di operarmi con successive e varie riabilitazioni. Che dire... chi lo sa? Sicuramente prima di questi incidenti stavo molto molto meglio e magari adesso chissà che ti combinavo! :-))))

C: “Molto in alto di sicuro considerato il tuo enorme bagaglio tecnico. Dove ti stai allenando in questo momento?"

M: “Mi alleno nel Fight Team Roma, presso la palestra golden power in zona magliana.”

C: “Perchè tanti atleti entrano nell' FTR? Qual'è secondo te il segreto di questo successo?"

M: “Istruttori qualificati in continuo e costante aggiornamento, palestra ben attrezzata ed atleti di ottimo livello. Credo che non sì possa chiedere di meglio. ”

C: “Vuoi dire qualcosa a chi ti legge e magari ti prende come punto di riferimento nella carriera sportiva?"

M: “Quello posso consigliare è di non avere mai paura di cimentarsi con chiunque e di cercare di colmare sempre le proprie lacune.”

C: “Ambizioni e traguardi per il futuro?”

M: “Non sò ancora quanto continuerò a combattere e in che categoria di peso; un sogno sarebbe vincere le qualificazioni italiane per il k-1 max, anche se non è la mia categoria. Per ora aspiro al titolo italiano pro di k-1 nei 67 kg.”

C: “Milo, grazie ancora per la tua disponibilità e un in bocca al lupo per il proseguimento della tua carriera.”

M: “Crepi il lupo. Voglio aggiungere e ringraziare Cristiano, Steve e mio fratello Manuele per l'angolo, l'incoraggiamento, i preziosi consigli e tutto quello che viene fatto negli spogliatoi prima di ogni match. Grazie.”

Milo Raini con gli istruttori del FTR


Torna su

.................................................................................................

1° STAGE FTR
Muay Thai & K-1 Rules al Vigor Sporting Center

Attiva partecipazione per lo stage di giovedì 4 Settembre organizzato a Roma, presso il "Vigor Sporting Center" di via Grotta di Gregna, dai docenti del Fight Team Roma.

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

I maestri Steve Buffoni e Cristiano Galletti, coadiuvati dal neo allenatore Fabio Polidori e da alcuni agonisti della scuola FTR, hanno effettuato una dimostrazione pratica delle proprie metodologie di insegnamento maturate attraverso la continua e costante elaborazione tecnico-tattica di tutte le pratiche osservate negli sport della muay thai, japanese kickboxing e k-1 rules.

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

Durante lo Stage sono state mostrate alcune applicazioni delle tecniche più incisive della Muay Thai quali colpi di gomito, calcio, ginocchio e lotta in clinch, particolarmente efficaci anche per la difesa personale.

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

Dopo la parte teorica e tecnica “master Gallo” si è esibito in una dimostrazione di allenamento per la potenza facendo faticare non poco Fabione (126 kg.) nel reggergli i paou.

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

Per terminare, tutti a “giocare” ai sacchi appesi.

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

Il corso è stato completamente gratuito e accessibile a quanti intenzionati a conoscere da vicino queste discipline sportive.

Al termine dello stage...beh… le foto parlano da sole! :-)

1° stage FTR al Vigor Sporting Center di Roma

Torna su

.................................................................................................

Campionato Nazionale K.L. - il report del FTR

GUARDA LE FOTO

E' giunta l'ora dei campionati italiani KL.

La corazzata Fight Team Roma annovera nella sua bacheca titoli regionali e italiani di tutte le varie federazioni: Fist, Cisco, Federcombat, Fikb.....obiettivo del giorno la cintura Kombat League.

I suoi Alfieri: Milo Raini (nelle regole K-1,1^ serie -67 Kg), Massimo Sabeddu (thai light -60 Kg.) con il titolo di campione regionale sul petto, Andrea Tortora (K1 Light -65 Kg), Tito Stirpe (K1Light -80 Kg). Per problemi di lavoro ha dato forfait Alessandro Tempesta, campione regionale K1 light, -90 Kg, al quale vanno gli auguri dei maestri per un pronto rientro in palestra.

Dopo aver espletato le formalità del peso si comincia: sul quadrato l'esordiente TIto "ortiz" Stirpe. Il ragazzo decide solamente a pochi giorni dalla gare di esordire in questa disciplina: un po' a corto di fiato ma soprattutto in una categoria di peso che lo vedrà confrontarsi con avversari ben piu' alti.....
Inizia il match nel quale, con una notevole padronanza del quadrato rasente la sfacciataggine, il nostro Ortiz sferrava combinazioni di boxe ( a lui molto congeniali) a ritmo infernale. Solamente gli errori nelle distanze e un eccessiva foga, che lo hanno portato al punto di penalizzazione, hanno decretato una discutibile sconfitta.
Migliora la distanza e cura la chiusura delle combinazioni con le gambe (cosa che in palestra stai facendo egregiamente) e vedrai che ci leveremo belle soddisfazioni.....comunque come si dice in queste occasioni....buona la prima!!

E' la volta di Andrea Tortora: secondo incontro personale per lui ma primo match di una affollata categoria, quella dei -65.Sono sorpreso questa volta dalla concentrazione e dalla voglia di far bene del nostro gentleman fighter. Prima di entrare all'angolo gli rammentiamo con Steve il modus operandi da attuare in gara. Andrea mette in bella mostra tecniche ordinate e buone combinazioni braccia gambe, ha fatto tesoro della sua prima esperienza nel ring e porta a casa la prima e strameritata vittoria!
Bravo Andrea!

Era il turno di Milo Raini nel K.O.. Avevo visto durante le attese che contraddistinguono le manifestazioni a carattere nazionale, molti match a contatto pieno, molti dei quali vere e proprie risse da bar. Abbiamo chiesto a Milo di padroneggiare sempre sul ring senza mai accettare scambi che avrebbero allineato la sua gara all'andazzo del giorno.
Avversario di turno un sardo della scuola di Elias, nostra vecchia conoscenza poiché tre anni fa, ad Olbia, un suo allievo venne battuto da Manuele Raini. Voglio sottolineare la simpatia e la competenza del Team Elias, che ci ha regalato, forse, il piu' bel Gala' a cui abbia mai partecipato il Fight Team Roma, nella sua storia di gare in tutta Italia!
Ma torniamo a Milo. Che dire: si presenta in una gara di questo livello dopo un anno e mezzo, dopo una mano rotta, dopo incidenti in moto, snowboard.....tutti eventi che hanno minato una carriera che a parer mio avrebbe potuto avere collocazioni internazionali.
Soprannominato da me "il chirurgo", in quanto dotato di tutti i colpi possibili e immaginabili, l'uomo dal Ko in ogni momento, ma talvolta con dei " vuoti di memoria" sul quadrato inquietanti.
Prima di cominciare lo guardo spesso per capire il suo stato d'animo; tradisce emozione ma allo stesso tempo lo vedo molto deciso e questo mi tranquillizza. Ripassiamo tutto il lavoro fatto in settimana, curiamo i dettagli.......si comincia!
Semifinale del Campionato Italiano, 3 round da 2 minuti. Il chirurgo prende le distanze ed è subito padrone del Ring, guardia, Footwork.....tutto perfetto. Inizia a martellare l'avversario con cominazioni braccia/gambe, vedo il ragazzo sardo molto impaurito. Milo sciorina colpi a ripetizione, fa' vedere tutto il suo repertorio culminante con un ginocchiata saltata che ha fatto sobbalzare di stupore tutto il pubblico presente. Terminano tutte le riprese fra gli applausi scroscianti dei presenti. Vittoria unanime! Il presidente Max Baggio si viene a congratulare con noi: per tutti il match piu' bello della manifestazione. Complimenti vivissimi dai coatch a Milo che,sarò ripetitivo, merita ben altri palcoscenici.

E' il turno ancora di Tortora, affronta un marocchino con gia' svariati match alle spalle. Il Gentleman entra un po' acciaccato per via del riacutizzarsi del dolore al collo del piede. Resiste, tira bene e solo dopo l'extra round viene decretata la sconfitta. Anche su questa decisione avrei a che ridire, nonostante mi preme ricordarlo, l'arbitro centrale sia stato Gabriele Pietroni, a nostro avviso l'arbitro piu' competente e bravo che ci sia.
Andrea mi e' molto piaciuto, voglio che migliori la TENSIONE!!
Mi spiego: ho visto che ti distrai molto durante il match, guardando l'angolo, il pubblico.....migliora questo aspetto e non ci sono rivali, del resto ho visto applicato tutto il lavoro della settimana, per cui mi soddisfa la tecnica.

Eccoci a Super Max Sabeddu, il nostro portacolori per i -60 Kg, come al solito è sottopeso, alla bilancia fa' registrare 57 KG!, attende gia' vestito il suo girone nelle regole del K1, ma alla fine viene inserito nella Thai Boxe Light.

Arriva all'incontro forte del titolo regionale, conquistato poco tempo fa' al suo esordio, ma con una tensione da far paura. E' troppo che attende il suo turno. Finale diretta per lui con un avversario che lo sovrasta di minimo 15 cm. A max ho sempre rimproverato la padronanza del ring e l'uso del cervello, le innate doti tecniche, non hanno confini.
Super Max mi regala una gioia sportiva immensa, si muove per tutto il quadrato con un'eleganza ed un'essenzialità da fighter navigato, punge come una zanzara facendo punti a ripetizione, padroneggia le distanze in maniera sontuosa, per l'avversario e' imprendibile. Stravince il match ed è Campione d'Italia!!! questo ragazzo, quando combina, ragiona con la testa ed unisce un bagaglio tecnico di ottimo livello. Non ha avversari..........

Dopo oltre nove ore di match è giunto il momento delle foto di turno, della premiazione e di tornare a casa.

Un ringraziamento di cuore a tutti i nostri allievi che sono venuti a fare il tifo per la loro squadra.

Cristiano e Steve

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

The President Cup - il report del FTR

GUARDA LE FOTO

Domenica 9 marzo 2008 si è disputato a Monterotondo (RM) la seconda fase di selezione per i campionati nazionali light KL per il Centro-Sud Italia.

Il Fight Team Roma si è presentato con 6 atleti a difesa dei propri colori: Andrea Tortora, Giorgio Nobile, Alessandro Tempesta, Simone Romagnoli, Massimo Sabeddu e Leonardo Solla....tutti esordienti!!

Il FTR annovera nella sua bacheca contatto leggero 4 titoli regionali ed uno nazionale: erano i tempi di Mirko Ortolani, Emanuele Polidori, Fabio Polidori, Manuele Raini e Milo Raini. Atleti imbattuti nella disciplina K-1 Light. I presupposti erano confortanti....

Primo a salire sul tatami il più "leggero", il tamburino sardo Sabeddu: peso -57 kg. categoria -65 kg.!!!! Giovane molto promettente e dalle grandi doti, impegnava i coach ad un'opera di controllo sull'emotività che avrebbe pregiudicato la sua performance, ma dopo pochi secondi di imballaggio si metteva in evidenza per un buon ritmo e mix di colpi. Da sottolineare un "Superman Punch" ad inizio seconda ripresa. E’ vittoria!! Si vola in finale.

A seguire, nella stessa categoria, era impegnato Andrea Tortora, giovane che negli ultimi mesi in palestra si era messo in mostra negli sparring per un'ottima tecnica. Entrava anche lui un po' contratto contro un avversario non più giovanissimo e 7 match vinti. Buona la prima ripresa con la quale superava l'avversario di tecnica ma che richiedeva un po' più di decisione nei colpi; nella seconda un vecchio e lancinante dolore al collo del piede destro lo costringeva a stringere i denti. Fine della seconda ripresa: sembrava fatta!! E invece un pari lo costringeva ad un terzo round affrontato a “denti stretti”. Verdetto di sconfitta…ma siamo lì. Peccato. Comunque bravo Andrea vedrai che dalla prossima arriveranno anche i risultati.

Terzo atleta esordiente sul tatami n° 3 è il "vecchio" Solla che dopo anni con noi decideva di tirare in un match ufficiale nonostante nel pomeriggio avesse l'aereo per Valencia!!!
Sembrava il più sicuro e tranquillo: a pochi istanti dal match tradiva la sua emozione dimenticando paradenti, fascette e conchiglia... da vero zingaro!! (rammenti Steve quando a Olbia il "compianto" Pascazi disputò l'intero primo round di un match a k.o. senza paradenti?!?!). Richiamati dall'arbitro si provvedeva al tutto ed il match aveva inizio. Probabilmente Leo aveva l'avversario più coriaceo, ma si destreggiava e vinceva l'incontro (migliora la difesa sui colpi di gambe e low Kick ndr).

Sorpresa al quarto match con Giorgio Nobile che legittimava la vittoria al suo primo incontro sciorinando tecnica raffinata specialmente con le chiusure di gambe dopo le combo di braccia....Giorgio in finale!!

Esordio per i “gemellini” Simone ed Alessandro con quest'ultimo che per evitare il Derby con Nobile si faceva spostare nella categoria -90!! lui pesa 82...Braveheart!!

Simone.....ragazzo che ho preso molto a cuore e che mi darà grandi soddisfazioni in futuro. Mi soffermo sul suo match con ombre e luci: viene dato perdente ma io vedo sempre il bicchiere mezzo pieno: per me aveva comunque vinto anche se effettivamente ha effettuato il match nello stile full contact da cui deriva (pochi sono due mesi per impostarlo da thai, stile con cui noi interpretiamo anche i match di K-1), ma mi ha favorevolmente impressionato la sicurezza con cui teneva il quadrato e il ritmo match Ci leveremo belle soddisfazioni.

Capitolo a parte per Alessandro “Braveheart” che alle 9:00 a palazzetto appena aperto era intento nel “riscaldamento” con i pesetti da 1 KG. Già bello, in tenuta thai, con l’i-pod alle orecchie. Match il suo contro un avversario mastodontico. Anche lui ha tirato mezzo da full, ma la carica emotiva che aveva (sembrava dovesse tirare contro Tiron Spong) lo portava a tirare colpi come una mitragliatrice e quindi, spavaldo davanti alla differenza di Kg, portava un'altra vittoria al FTR.

Prima finale: Sabeddu contro l’avversario dato per vincente su Tortora.
Stavolta il tamburino sardo entrava più emotivo che mai: nel riscaldamento continuava a ripetere di non respirare e di aver dimenticato tutte le combinazioni. Allo scampato pericolo di un'uccisione da parte dei suoi coach entrava nervoso e contratto, sbagliando più volte la distanza per portare i colpi. Nella seconda ripresa riusciva a tirare 5 “superman punch” non prendendo mai l'avversario!!! Fine della terza vittoriosa ripresa. Match pari: si passa all’extra round. 30 secondi tirati alla morte. La meritata vittoria dimostra quanto ancora può dare l'atleta e di che risorse sia dotato. ORO a Max..Complimenti!!!

Seconda finale: Giorgio.
Avversario arcigno per il Nobile guerriero che dopo una vibrante prima ripresa che lo vedeva in vantaggio sui cartellini dei giudici, doveva arrendersi al fato: durante uno stupendo scambio di braccia gli fuoriusciva la spalla ed era costretto all'abbandono. Solo argento per lui. Il migliore di tutto il gruppo in fatto di tecnica espressa: dobbiamo migliorare sulla velocità e vedrai che nessun traguardo ti sarà precluso. Un “in bocca al lupo” di pronta guarigione da tutto il Fight Team Roma.

Terza finale: era il turno del Solla.
Turbato dai suoi acciacchi pregressi, costola dolorante, ernia del disco, tibia sx infortunata, affrontava stoico la sua finale che per i motivi di cui sopra lo vedeva sconfitto....sarà per la prossima LEO Stoico, comunque argento!!

Finale dei pesi massimi per Alessandro, invitato da me a sentire musica classica sul suo i-pod, per rallentare i suoi bollori!! Finale dura contro un'altro energumeno di quasi cento chili per il nostro alfiere che rispondeva alla grande anche ai colpi meno ortodossi dell'avversario (gli unici tra l’altro portati a segno). Alla fine della terza ripresa (tante erano quelle delle finali) sentendo la vittoria in tasca, si esibiva in atteggiamenti degni del miglior De la Hoya!!! grande padronanza del ring e delle situazioni più dure. Immagino migliorando la tecnica cosa possiamo tirare fuori da questo valoroso ragazzo. Oro anche nella massima categoria, grande Alex.

Da domani tutti sotto che è solo l'inizio!!!

Cristiano

GUARDA LE FOTO


Torna su

.................................................................................................

Intervista a Manuele Raini

Riportiamo l'intervista completa rilasciata da Manuele Raini dal ritorno dai Campionati Mondiali di Kickboxing del 2007, apparsa sul numero 1/08 di "The Fighter".

Di Steve Buffoni

S: “Ciao Manuele, grazie per la tua disponibilità. Sono venuto a sapere che a settembre dell’anno scorso (2007) hai conquistato la Medaglia di Bronzo ai campionati mondiali di Kickboxing di Belgrado. Che effetto ti ha fatto essere chiamato a difendere i colori azzurri?”

M: “Quando ho saputo di essere stato convocato nella nazionale italiana ho provato una felicità immensa. Pensavo che il fatto di essere campione italiano in carica nel k-1 rules bastasse per farne parte, invece ho dovuto passare una sorta di selezione (collegiali azzurrabili) divisa in tre fasi e in tre diverse città italiane. Selezione che si è tenuta nel periodo estivo compreso tra giugno e agosto. Quindi ho sacrificato le mie vacanze estive per rimanere allenato. Ma è stato un bene, anche perchè i mondiali si sarebbero poi svolti verso la fine di settembre.”

S: “Se non sbaglio è stata la tua prima volta in Nazionale: eri nervoso?”

M: “Essendo la mia prima volta ero abbastanza nervoso… e poi sono un tipo abbastanza emotivo.”

S: “Come hai trascorso i giorni prima delle gare?”

M: “Prima delle gare il nervosismo e l'emozione aumentavano sempre di più. Ricordo che sono stato uno degli ultimi a combattere e il fatto di aver visto quasi tutti i miei compagni di squadra essere sconfitti al primo turno rendeva tutto più difficile.”

nazionale azzurra
Raini e i suoi colleghi della nazionale

S: “Ma veniamo alla gara: come erano i tuoi avversari?”

M: “Sapevo fin dall'inizio che i miei avversari sarebbero stati molto forti: per partecipare a questo torneo viene selezionato solo il meglio degli atleti mondiali. Voglio precisare che quasi tutti i fighters partecipanti sono professionisti e non dilettanti come si pensa e molti di questi sono supercampioni mondiali in svariate sigle.”

S: “Sono stati matches difficili?”

M: “I matches sono stati molto duri ma per merito dell'allenamento svolto nell'estate scorsa sono riuscito ad arrivare al mondiale in ottima forma e ho dato del filo da torcere a tutti i miei avversari.”

S: “Nel match contro il campione del mondo in carica, il professionista russo Rizvan Isaev, stavi ben figurando. Poi un gancio d’incontro ti ha fato perdere l’equilibrio e nel cadere ti sei ferito al sopracciglio destro. Si poteva evitare?”

M: “Ho rivisto l'incontro più volte e confermo che stavo tenendo testa al russo. Ti posso dire che, senza nulla togliere ai 2 c.t. della nazionale di k-1 rules presenti al mondiale, forse se avessi avuto il mio solito angolo che mi conosce da un decennio e di cui mi fido ciecamente avrei avuto qualche possibilità in più.”

Raini sul podio
Raini sul podio

S: “Probabilmente sarebbe andata diversamente, ma hai pur sempre ottenuto una Medaglia di Bronzo alla tua prima esperienza da dilettante. Mi sono documentato su di te e ho saputo che combatti anche nella muay thai. Sei stato più volte nei camp tailandesi dove hai sempre ben figurato. Preferisci un match di thai o di kickboxing?”

M: “Qualche anno fa preferivo combattere con le regole della thai boxe poi, essendo stato molte volte in Thailandia, ho cambiato idea e penso che la muay thai sia più adatta ad un atleta asiatico. Comunque sono dell'idea che la kickboxing con le ginocchiate, ovvero il k-1 rules, sia il miglior modo di combattere.”

S: “Dove ti alleni in Italia?”

M: “Mi alleno a Roma presso il Fight Team Roma (www.fightteamroma.it).”

S: “So che non hai uno ma ben 2 istruttori, nello stesso corso, che ti seguono personalmente. Quasi una rarità ai giorni d’oggi: cosa pensi di loro?”

M: “Mi sono allenato in molte palestre di tutta Italia e posso affermarti con certezza che ho la fortuna di allenarmi con 2 istruttori molto professionali: amo i loro metodi di allenamento e preparazione prima di un incontro. Poi cercano sempre di migliorarsi partecipando a stage e ad eventi molto importanti.”

S: “Mi sembra di capire che ti alleni in un team molto valido: me lo consiglieresti?”

M: “Consiglierei a tutti di venirsi ad allenare nel Fight Team Roma, sia ai neofiti che ai professionisti: essendoci 2 istruttori mentre uno si occupa degli atleti alle prime armi l'altro si concentra sugli agonisti, quindi è raro essere trascurati come invece avviene in molte palestre dove si da priorità a chi combatte.”

S: “So che il 26 gennaio sarai impegnato in un torneo molto importante: che effetto fa essere considerato tra i migliori otto fighters italiani nella categoria più impegnativa in assoluto, quella dei -71kg.?”

M: “Se si pensa questo di me…beh, ne sono lusingato. Comunque di strada da fare ce n'è tanta e devo migliorare ancora.”

S: “Manuele, grazie ancora per la tua disponibilità e un in bocca al lupo per il proseguimento della tua carriera.”

M: “Crepi il lupo. Un saluto a te e a chi leggerà questa intervista.”

Manuele con gli istruttori del FTR


Torna su

.................................................................................................

WFC III - grande prestazione di Verginelli

Mike Verginelli vittorioso su Troian Carciuc SuperMike Verginelli con Valerio Poscia e Mirko Silvestri

Riportiamo uno stralcio dell'articolo realizzato per la Kombat League da Alfredo Sitti Boarini e riguardante un amico che sicuramente avrete visto ultimamente in palestra allenarsi in mezzo a voi:

"Grande prestazione dell’italiano Michele Verginelli opposto al giovane rumeno Traian Carciuc, che si conferma solidissimo fighter ed atleta di grandissima esperienza. Il match vede subito Verginelli in attacco che colpisce Carciuc e lo proietta al suolo. Dopo una serie di scambi lottatori al suolo, Michele si ritrova in posizione di guardia e afferrando saldamente un braccio del rumeno riesce ad applicargli un pregevole armlock che decreta la vittoria dell’italiano che sottolinea Emiliano Lanci si conferma grande guerriero...."

Complimenti Mike e... bel taglio di capelli!
Steve e Cristiano.

"iron" Mike Verginelli con gli istruttori del FTR


Torna su

.................................................................................................

Manuele Raini ai mondiali di Belgrado (24.09.2007)

Riportiamo uno stralcio del commento realizzato da Roberto Fragale in occasione degli incontri di Manuele.

"...Nei -71 kg schieravamo il romano Manuele Raini su 12 atleti in gara. Manuele si è subito comportato benissimo, arrivando alla semifinale e battendo agevolmente il rappresentante dell’Azerbaigian Vugar Kazimov.
Incontrava poi in semifinale il russo Rizvan Isaev, testa di serie e che aveva battuto l’ukraino Andriy Movshenko. Manuele si è ben impegnato anche in questo confronto e non ha sfigurato affatto, tenendo testa per tutti e tre i round, ma il più esperto russo è giustamente risultato vincitore sul risultato dei cartellini per 3 a 0. Considerato che anche Manuele partecipava per la prima volta a questi tornei WAKO …
Confidiamo sul fatto che l’enorme esperienza acquisita a Belgrado, contribuisca notevolmente al suo miglioramento e crescita tecnica, per averlo nuovamente in nazionale ai prossimi europei. E’ stato comunque una terza e preziosa medaglia di bronzo per l’Italia… grazie Manuele..."

Manuele con gli istruttori del FTR

L'articolo intero lo potete trovare sul sito:
http://www.ilguerriero.it/


Torna su

.................................................................................................

Terapia occlusiva

Durante una sessione di allenamento, può capitare di farsi male a causa di un involontario colpo ricevuto dal compagno con cui si sta lavorando o magari, colpendo un sacco un po’ più duro del normale.
Per un recupero più veloce.....

Per saperne di più...... [ scarica il file ]


Torna su

.................................................................................................

Il Fight Team Roma entra in Kombat League (18.10.2007)

Dopo lo scioglimento della Fist, il FTR si affilia alla Kombat League, affiancando il presidente regionale Roberto Cecchetti, nel comitato direttivo della regione Lazio.
Come riconoscimento per l'ottimo lavoro tecnico svolto in tanti anni di insegnamento, ci vengono assegnate le cariche di responsabili dei settori MUAY THAI (Steve Buffoni) e K-1 RULES (Cristiano Galletti).
Fiduciosi e consapevoli delle capacità professionali dei componenti dell'organo direttivo laziale, accettiamo con orgoglio.

Il comitato direttivo laziale della KL

Ulteriori informazioni sul comitato Regione Lazio le potete trovare direttamente sul sito ufficiale della Kombat League

Torna su

Articoli vari

Italiani FIGMMA 2014: M.M.A.
(30.03.2014) - il report


Passaggi di grado FTR: 6° KHAN
(13.10.2013) - il report


M.M.A. - I COPPA FIGHT CLUB
(13.10.2013) - il report


Grappling/M.M.A.
(30.07.2012) - considerazioni finali


Calci, pugni e show
(10.12.2011) - il Messaggero.it


4^ Coppa Italia Grappling FIGMMA
(11.12.2011) - il report


1° Trofeo Città di Roma
(27.11.2011) - il report


Stage FTR a Marina di Castagneto
(20/22.05.2011) - il report


FTR: Università della Lotta
(09.04.2011) - il Tempo


Muay Thai Promotion Cup
(16.01.2011) - il report


Stage Petrosyan a San Marino
(19.02.2011) - il report


Campionato Regionale K.L.
(21.11.2010) - il report


Muay thai e difesa personale
(14.11.2010) - il report dello stage


Galà dilettanti nel Lazio
(31.10.2010) - il report dell'FTR


Steve e Cristiano responsabili
FMTI/ONESONGCHAI ITALY LAZIO
(ottobre 2010)


Fiori d'arancio in casa FTR
(settembre 2010)


Trainer TORTORA in Thailandia
(agosto 2010)


ESIBIZIONE ROMA 2010
(22.07.2010)- il report dell'FTR


Selezioni Centro-Sud K.L. (07.03.2010)- il report

ASSOLUTI K.L. 2010
(28.03.2010)- il report dell'FTR


Selezioni Centro-Sud K.L. (07.03.2010)- il report

ITALIAN EXTREME 8 (MO)
1^ difesa titolo ITA PRO KL K1-71
(27.02.2010)- MANUELE RAINI


Campionato Regionale K.L. (07.02.2010)- il report

1° CORSO DOCENTI FTR
(stagione 2009 - 2010)


TITOLO ITALIANO PRO K.L. K1 -71
(19.12.2009)- MANUELE RAINI


match di Giulio Lombardo
(19.12.2009) - il report


NAZIONALE OPEN 2009
(25.10.2009) - il report


TITOLO ITALIANO PRO K.L. K1 -71
(12.09.2009)- MANUELE RAINI


TITOLO EUROPEO PRO K.L. K1 -67
(27.06.2009)- MILO RAINI


ASSOLUTI K.L. 2009
(14.06.2009)- il report dell'FTR


K.L. World Cup 2009
(1-3.05.2009)- il report dell'FTR


Campionato nazionale Open K.L. (15.03.2009)- il report dell'FTR

Campionato regionale K.L. (07.02.2009)- il report dell'FTR

Milo RAINI vs Massimo BARONE (06.12.2008)

Campionato Regionale K.L. (16.11.2008) - il report del FTR

Intervista a Milo RAINI
atleta dell'anno KL 2007/08


Stage Vigor Sporting Center (04.09.2008) - il report del FTR

Campionato Nazionale K.L. (18.05.2008) - il report del FTR

The President Cup (09.03.2008) - il report del FTR

Intervista a Manuele RAINI

Michele VERGINELLI al WFC III (29.11.2007)

Manuele RAINI ai mondiali di Belgrado (24.09.2007)

Terapia occlusiva

Il Fight Team Roma e la KL

.....................................................